Lavoratori Saba-Sipa, Leonelli presenta interrogazione alla giunta

Aeroporto, Leonelli PD: «Facciamo chiarezza»

Lavoratori Saba-Sipa, Leonelli presenta interrogazione alla giunta

SABA ha deciso di cambiare unilateralmente il contratto collettivo nazionale di lavoro

SABA, multinazionale spagnola che solo a Perugia gestisce i 6 parcheggi SIPA più quelli ad Assisi, per un totale di ben più di 2000 posti auto disponibili, ha deciso di «cambiare unilateralmente il contratto collettivo nazionale di lavoro – come hanno denunciato nei giorni scorsi i vertici di Filt Cgil e Fit Cisl dell’Umbria – passando da quello dell’autonoleggio e parcheggi a quello del terziario, fatto che determina un decadimento delle condizioni economiche e normative dei dipendenti».
«Avendo SABA comunicato formalmente la disdetta del contratto nazionale di lavoro dell’autonoleggio applicato nei confronti dei lavoratori dei parcheggi SIPA – dichiara il presidente del Gruppo Pd a Palazzo Cesaroni, Giacomo Leonelli – i sindacati di categoria hanno indetto per oggi uno sciopero in difesa dei livelli occupazionali di un’azienda che in Umbria conta oltre 50 lavoratori».
 
«Poiché tale scelta penalizza gravemente tali lavoratori, che rischiano di perdere salario e diritti, sia per effetto di una paga base più bassa, sia perché con tale formale disdetta si cancellano anni e anni di contrattazione di secondo livello territoriale – prosegue Giacomo Leonelli – ho ritenuto di dover presentare un’interrogazione urgente alla Giunta regionale, per capire quali azioni intenda mettere in campo per sostenere i diritti dei lavoratori della SABA-SIPA nel corso di questa vertenza».
«SABA – conclude con preoccupazione Leonelli – ha già espulso dal proprio circuito produttivo un buon numero di lavoratori in diversi impianti d’Italia, senza aprire ammortizzatori sociali. Occorre quindi che le istituzioni e la politica vigilino attentamente su questa situazione per evitare che decine di famiglie di nostri corregionali possano entrare in una fase di grave difficoltà economica, per altro già avviata della stessa disdetta unilaterale del contratto nazionale di lavoro da parte di SABA».

Leonelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*