Primi d'Italia

La senatrice antimafia Capacchione in visita in Umbria

incontro sen CapacchioneHa fatto tappa in Umbria la sen. Rosaria Capacchione, membro della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle mafie, di professione giornalista professionista, dal 2008 sotto scorta perché minacciata di morte per aver raccontato senza censure i crimini della camorra. Accompagnata dalla sen. Valeria Cardinali e dall’on. Giampiero Giulietti, la sen. Capacchione ha iniziato il suo tour a Umbertide, dove ha incontrato gli studenti dell’Istituto di istruzione superiore “Leonardo da Vinci”. Qui ha raccontato la sua attività di giornalista, professione che ha sempre svolto con passione in una terra difficile come la Campania. “Quando ho iniziato a fare la giornalista, nella mia provincia morivano per mano della mafia cento persone all’anno – ha detto – Io ho sempre raccontato la verità tanto che nel 2008 sono finita nell’elenco delle persone che per la mafia erano destinate a sparire e da allora vivo sotto scorta. Nonostante questo, ho continuato a fare quello che avevo sempre fatto, con ancora più determinazione, sia da giornalista che, in questi ultimi anni, da parlamentare. Per troppo tempo è stato sottovalutato il pericolo delle infiltrazioni mafiose e questo ritardo nella percezione del fenomeno ha favorito il propagarsi della mentalità mafiosa che, ahimè, è molto contagiosa”. Dal racconto della vita della sen. Capacchione è scaturito un messaggio forte e chiaro: “L’unico argine alla mafia siamo noi, noi cittadini; – ha detto – non esiste un pacchetto di leggi capace di estirparla, è compito nostro prendere coscienza del fenomeno e contrastarlo”. E ha rivolto un appello ai giovani: non frequentare quei locali dove si ravvisano strani giri, al fine di “creare – ha detto – una sorta di isolamento sociale, che ci permette di separare il bene dal male”. L’incontro con la sen. Capacchione si è concluso con i numerosi interventi degli studenti che hanno posto molte domande e questioni alla senatrice in continua lotta contro la mafia.
Il tour della sen. Capacchione è poi proseguito a Pietralunga dove è stata accompagnata dal sindaco Mirko Ceci, dall’on. Giulietti e dalla sen. Cardinali a visitare il primo bene confiscato alla mafia e assegnato al Comune, 90 ettari di terreno che, grazie anche alla collaborazione con l’associazione Libera, sono diventati sede di campi-scuola che ad oggi hanno accolto circa un migliaio di studenti. Tali terreni, che a breve verranno affidati tramite bando pubblico ad una cooperativa, sono l’esempio più emblematico di come un fatto negativo come la presenza di beni in mano a soggetti legati alla criminalità organizzata sia stato trasformato in un’occasione di crescita e di sviluppo per la comunità locale. La visita in Umbria della sen. Capacchione si concluderà questa sera alle 18 a Perugia presso Umbrò per l’iniziativa pubblica “Legalità e lotta alla mafia”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*