La segreteria regionale del Pd Umbria al lavoro su programma e candidati

PERUGIA – Con la segreteria di questo pomeriggio, il Pd Umbria aggiunge un ulteriore tassello al percorso verso le regionali di maggio. Su proposta del segretario Giacomo Leonelli, l’esecutivo regionale dei democratici ha dato vita a una formazione ad hoc per portare a sintesi il dibattito programmatico e politico delle ultime settimane. In particolare, si sono costituiti due gruppi di lavoro che si occuperanno rispettivamente di programma e di candidature. Al coordinatore dei Dipartimenti Marco Gambuli il compito di coordinare il gruppo che dovrà mettere insieme idee, stimoli, spunti e riflessioni nati sui tavoli di ‘Umbriaverso’ e farne un progetto di cambiamento per l’Umbria del futuro. Al responsabile Enti locali Andrea Pensi l’incarico di guidare un lavoro istruttorio sulle candidature. “Saremo impegnati – ha sottolineato Pensi – a formulare la migliore proposta per l’Umbria e a mettere in campo una squadra che sappia interpretare al meglio lo spirito di ‘Umbriaverso’. La direzione regionale ha già definito, anche sulla base delle indicazioni dell’assemblea regionale e in maniera unanime, i criteri principali per la composizione della lista, su tutti: rispetto dell’equilibrio di genere, pluralismo e rinnovamento, con particolare attenzione alle città dove lo scorso anno si sono perse le amministrative. Terremo conto, in via consultiva, anche di eventuali pareri e proposte, sempre che, ovviamente, questi siano rispettosi della pluralità di genere e dei criteri votati in direzione. C’è da rilevare – sottolinea ancora Pensi – che accanto a qualche proposta coerente con gli obiettivi che ci siamo dati, se ne stanno riscontrando altre che non rispondono alle aspettative dell’ordine del giorno votato in direzione. L’auspicio è che si faccia uno sforzo di generosità e responsabilità per raccontare di un Pd che sta sulle idee, che ascolta le esigenze, le istanze e i bisogni delle persone e che è impegnato a trovare la strada della crescita per l’Umbria che verrà. Stiamo mettendo in campo un programma partecipato e di grande innovazione e una squadra che rappresenti l’unità di intenti, il pluralismo di stimoli e il rinnovamento che hanno fatto di ‘Umbriaverso’ il fatto politico più rilevante degli ultimi mesi. Ci aspettiamo un contributo importante in questa direzione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*