La Perugina siamo noi. Salviamo il Bacio, presentato incontro del M5s

La Perugina siamo noi. Salviamo il Bacio, presentato incontro del M5s

La Perugina siamo noi. Salviamo il Bacio, presentato incontro del M5s

Si è tenuta questa mattina alla Sala della Vaccara la conferenza stampa di presentazione dell’incontro “La Perugina siamo noi. Salviamo il Bacio” organizzato dal Movimento 5 Stelle per Sabato 21 novembre alle ore 16,00 alla Sala Sant’Anna a Perugia. A presentarlo tutti e tre i consiglieri comunali del M5S, Cristina Rosetti, Stefano Giaffreda e Michele Pietrelli e la deputata umbra Tiziana Ciprini.

L’incontro del 21 novembre, hanno spiegato, è finalizzato a far conoscere la storia della Perugina, ripercorrendone tutte le tappe, anche attraverso un docufilm realizzato da Aldo Zappalà per Rai Educational, ma soprattutto –attraverso la maggiore conoscenza- a sensibilizzare i perugini a riappropriarsi di un pezzo di storia della città.

“La Perugina –ha precisato nel corso della conferenza la consigliera Rosetti- appartiene al territorio e si caratterizza per questo, per cui si rende necessario un piano industriale, da parte di Nestlé Italia che tenga conto di questa identità”

La deputata Tiziana Ciprini, nel mettere in evidenza l’attenzione che il Movimento 5 Stelle umbro ha dedicato alla situazione economica e lavorativa della Perugina, che è arrivata di recente al tavolo del governo grazie anche ad una loro interpellanza, ha ribadito che questa specificità territoriale dell’azienda deve essere considerata un valore aggiunto da Nestlé, nell’ottica di un pano industriale espansivo che preveda anche di allargare le tipologie di prodotto che escono dallo stabilimento di San Sisto, facendone una industria dolciaria vera e propria e non solo limitata al cioccolato.

Sia Giaffreda che Pietrelli hanno, quindi, sottolineato la necessità di rimettere al centro della vita della città la Perugina, di ridare vitalità, attraverso scelte di marketing attuali, ad un’azienda che non solo ha fatto la storia del capoluogo umbro, ma che ha intorno a sé un indotto non indifferente, per cui non si può pensare che la Perugina non sia più a Perugia. L’auspicio e l’impegno, dunque, è quello che la Perugina torni ad essere quell’esempio di modernità e di innovazione che era al momento della sua nascita.

Perugina 

https://youtu.be/zoIE9xAQ1kM

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*