Pievaiola, Lega Umbria fa proprie le istanze del comitato e annuncia battaglia

Mancini e Fiorini: Riteniamo incomprensibile l’atteggiamento dell’assessore Chianella

Pievaiola, Lega Umbria fa proprie le istanze del comitato e annuncia battaglia

PERUGIA – “Oltre quattromila firme raccolte con una petizione popolare, anni di attesa e disagi, circa 10 milioni stanziati e ancora “congelati” chissà dove, promesse non mantenute: comprensibile la rabbia dei cittadini che abbiamo incontrato a Palazzo Cesaroni”: i consiglieri della Lega Umbria, Valerio Mancini ed Emanuele Fiorini fanno proprie le istanze del comitato Pievaiola presentano un’interrogazione rivolta all’assessore Chianella che chiede la realizzazione in tempi rapidi dei lavori di adeguamento e miglioramento della strada regionale 220 Pievaiola, con particolare riferimento al tratto funzionale che va da Capanne a Fontignano.

“Interventi già previsti nel protocollo d’intesa firmato nel 2013 da Regione, Provincia di Perugia e comuni interessati – proseguono i leghisti – In oltre 4 anni i lavori sono ancora fermi al palo nonostante siano già stati stanziati circa 10 milioni di euro.

Delle sette rotatorie previste solo una è in fase di realizzazione, mentre del rifacimento del manto stradale, della segnaletica orizzontale e verticale e delle piste ciclabili ancora non se ne vede traccia. Si tratta di lavori che consentirebbero di garantire il miglioramento della sicurezza stradale e di ridurre il fastidioso disagio del traffico e i cui ritardi stanno anche creando molteplici disagi al territorio dal punto di vista economico.

Riteniamo incomprensibile l’atteggiamento dell’assessore Chianella il quale non ha preso nella giusta considerazione le richieste dei cittadini, rimandando la risposta agli uffici provinciali senza dare tempi certi. Ormai di questi atteggiamenti tipici del centrosinistra i cittadini non si meravigliano più e non mancheranno di farlo capire alle prossime elezioni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*