Interrogazione parlamentare contro il precariato dei vigili del fuoco

Cadavere donna in mare a Pesaro, è di Assisi
Vigili del fuoco
Vigili del fuoco

(UJ.com3.0) ROMA – L’on. Giampiero Giulietti ha presentato un’interrogazione a risposta scritta per sollecitare il Governo a predisporre un provvedimento ministeriale che ripristini il turn-over nel corpo dei vigili del fuoco e proroghi la validità della graduatoria dei concorsi fino al 2018, al fine di garantire l’operatività del corpo stesso e la sicurezza dei cittadini.

“Il Corpo nazionale dei Vigili del fuoco è in grave carenza di organico e i tagli di bilancio degli ultimi anni stanno avendo pesanti ripercussioni sull’organizzazione del lavoro – ha dichiarato l’on. Giulietti – Se confermati, gli ulteriori tagli all’organico, previsti dall’ultima bozza sul riordino, porterebbero la struttura allo stremo, con ben 797 unità in meno già dal 31 dicembre 2015 per i pensionamenti previsti che verrebbero rimpiazzati da eventuali 6.000 richiami di volontari.

Lo scorso ottobre è stato approvato il potenziamento di 1.000 unità, divise tra le 2 graduatorie vigenti, prorogate fino e non oltre il 31 dicembre 2016 e le risorse per tali assunzioni sono state ricavate senza oneri aggiuntivi per le casse erariali, destinando i fondi per i richiami di personale discontinuo non professionista e generatore di precariato, in assunzioni di personale permanente prelevato dalle due graduatorie, assicurando così un auspicabile rinnovamento anagrafico, di cui il corpo necessita, in quanto l’età media è di 44 anni.

Tali graduatorie garantiscono un bacino di idonei di circa 8.000 unità, pronte a sopperire alla carenza di organico, ma risultano valide fino e non oltre dicembre 2016; si chiede quindi al Governo di prorogare le graduatorie, evitando l’indizione di un nuovo concorso che comporterebbe costi più elevati, e di garantire la copertura di organico necessaria per la piena operatività del Corpo dei vigili del fuoco”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*