INSEDIATO IL CONSIGLIO COMUNALE DI CASTIGLIONE: LE DELEGHE AGLI ASSESSORI, FRANCO BIZZARRI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

15115_castiglione_del_lago_palazzo_della_corgna(umbriajournal.com by AKR) – CASTIGLIONE DEL LAGO – Ieri sera si è tenuto il primo consiglio comunale di Castiglione del Lago, rinnovato dalle elezioni dello scorso 25 maggio. A presiedere provvisoriamente il consiglio è stato chiamato Marino Mencarelli come consigliere con il quoziente elettorale più alto, in quanto Alessio Meloni, nominato assessore, era già decaduto dalla carica e sedeva nel banco della Giunta insieme a Romeo Pippi, Nicola Cittadini, Ivana Bricca, Mariella Spadoni e al sindaco Sergio Batino. L’assemblea, dopo aver esaminato le condizioni di eleggibilità e di compatibilità dei consiglieri e del sindaco, ha convalidato tutti gli eletti con voto unanime ed è passata all’elezione del presidente del consiglio comunale. Margherita Banella, capogruppo di maggioranza, ha proposto la candidatura di Franco Bizzarri: «Grazie a tutti i cittadini presenti questa sera in gran numero. Mi auguro di vedere spesso tanta gente ai consigli. Franco Bizzarri è un candidato di grande spessore, competenza e garanzia di imparzialità: invitiamo anche la minoranza a votarlo». David Cerboni per il gruppo del Movimento 5 Stelle ha proposto invece un candidato della minoranza come segno di cambiamento e di discontinuità: anche Pierino Bernardini (Forza Italia) e Fabio Duca per il gruppo “Progetto Democratico” si sono associati alla richiesta di Cerboni. Duca ha proposto una sospensione di 5 minuti per trovare un accordo ma l’assemblea a maggioranza ha rigettato la richiesta passando quindi al voto segreto, con un quorum dei 2/3 necessario all’elezione al primo scrutinio. L’assemblea ha eletto alla carica di presidente del consiglio comunale con 11 voti Franco Bizzarri: 5 le schede bianche, tutte provenienti della minoranza. «Garantirò il diritto alla parola di tutti – ha detto il presidente Bizzarri – nell’assoluto rispetto del regolamento e soprattutto senza interruzioni. Sì allo scontro politico ma senza intolleranze».

Il lungolago castiglionese
Il lungolago castiglionese

Dopo il giuramento ufficiale, Sergio Batino ha preso la parola per presentare la Giunta comunale e le rispettive deleghe. Il sindaco Batino mantiene la delega ai Lavori Pubblici. Romeo Pippi è confermato vice sindaco con le deleghe allo Sviluppo Economico, al Marketing Territoriale e al Personale. Alessio Meloni è assessore alle Politiche Sociali, Servizi Scolastici e alla Sanità. Nicola Cittadini è assessore all’Urbanistica e all’Edilizia. Mariella Spadoni è il nuovo assessore a Bilancio, Finanze e Tributi; Ivana Bricca è confermata alla Cultura, Istruzione, Formazione con la nuova delega all’Associazionismo. «Domani – ha aggiunto Batino – verranno comunicati ufficialmente i consiglieri comunali che avranno delle particolari deleghe e che supporteranno, pur restandone fuori, il lavoro di tutta la Giunta comunale». Sergio Batino ha presentato brevemente gli indirizzi generali di governo: «I castiglionesi hanno indicato in maniera chiara la volontà di darci fiducia. Il nostro programma non è il “vangelo” per noi: abbiamo il dovere di raccogliere le proposte e i suggerimenti di tutte le componenti di questo consiglio comunale. Nella vicenda del piano regolatore siamo stati attenti e sensibili alle istanze della minoranza: noi vogliamo proseguire su quella strada. Sono tante le questioni sul campo da affrontare ma su tutti il lavoro: abbiamo troppi disoccupati a Castiglione e, per quello che ci compete, dobbiamo dare loro delle risposte con iniziative dirette e con il massimo coinvolgimento delle associazioni di categoria e delle imprese. Dobbiamo dare più forza alle politiche sociali per aiutare chi ha bisogno e chi vive in difficoltà, in raccordo anche con gli altri enti comunali e regionali: i comuni sono “in trincea” e devono dare sempre più risposte ai cittadini con problemi. Sarò il sindaco di tutti i cittadini ma soprattutto dei più deboli». Pierino Bernardini di Forza Italia ha posto l’accento sui ritardi dei pagamenti dei fornitori del Comune: «Dobbiamo diminuire la fiscalità, i costi della politica e della macchina burocratica in generale. Occorre un bilancio innovativo con veri tagli strutturali. Siamo in ritardo sulla variante alla 71: cinque anni sono passati invano. La situazione delle strade è indecorosa e serve un intervento deciso verso la Regione e la Provincia. Grossi problemi ci sono e ci saranno anche sulla sanità e sulla ristrutturazione del nostro ospedale».

«L’approccio della maggioranza dimostra che nulla è cambiato – ha dichiarato Fabio Duca come capogruppo di “Progetto Democratico” – e sono criticabili nel metodo le scelte di giunta e del nuovo presidente del consiglio. Qui a Castiglione si va “nello stesso verso”. Il caso della rotatoria di vai Roma dimostra la superficialità dell’operato dell’amministrazione. Una leggerezza che è dimostrata anche dal caso della sanità: a settembre il nostro ospedale rischia seriamente di perdere anche l’ultimo treno e noi di Progetto Democratico non capiamo l’ottimismo del sindaco». Stefano Bistacchia “consigliere portavoce” del Movimento 5 Stelle ha promesso battaglia sulle decisioni che riguardano il territorio e l’ambiente: «Battaglia dura contro lo sfruttamento dell’ambiente e che intaccano il tessuto sociale ed economico; se troveremo invece delle proposte interessanti saremo dei validi compagni, su cui poter fare conto. Ad esempio proponiamo di inserire, nel bando per la gestione delle mense scolastiche, i prodotti alimentari delle aziende agricole locali. La maggioranza dovrà ascoltare anche le nostre proposte e discuterne senza preconcetti. Siamo convinti che valorizzando il nostro territorio si possa creare lavoro duraturo e tutelato, l’unico capace di aumentare la qualità della vita». Margherita Banella ha ricordato il risultato delle elezioni al consigliere Duca: «Abbiamo una maggioranza nettissima ma non vogliamo spadroneggiare e vogliamo decidere con la massima partecipazione dell’opposizione e dei cittadini, come fatto per esempio per il Piano regolatore negli ultimi 5 anni». Come annunciato nei giorni scorsi Marco Arcangioli ha presentato ufficialmente le sue dimissioni dalla carica di consigliere comunale per diventare il nuovo vice segretario comunale del Partito Democratico: al suo posto in consiglio subentra Laura Mazzeschi.

Il sindaco Batino ha oggi, con apposito decreto, affidato le deleghe ai consiglieri di maggioranza, al fine di garantire una maggiore efficienza dell’attività amministrativa. Marino Mencarelli è consigliere delegato alla manutenzione e patrimonio; Massimo Del Pizzo alle politiche dell’integrazione; Paola Pasquoni alla comunicazione e partecipazione; Daniz Lodovichi al contratto di paesaggio; Margherita Banella all’ambiente e ai diritti civili; Caterina Bizzarri ai percorsi museali; Franco Bizzarri, presidente del consiglio, alla sicurezza e protezione civile. I consiglieri delegati svolgeranno esclusivamente una funzione di supporto collaborativo nei confronti del sindaco, non parteciperanno alle sedute della giunta comunale, né avrà poteri decisionali. Ai consiglieri delegati non spetta alcun compenso o indennità per lo svolgimento dell’incarico, fatti salvi eventuali rimborsi spese debitamente autorizzati e attinenti ai compiti attribuiti, nei limiti e alle condizioni di legge.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*