Inquinamento Nera: “l’Arpa tiri fuori i dati sulla contaminazione

A chiederlo è il portavoce del Movimento 5 Stelle, Andrea Liberati

Terremoto Umbria 1997, dopo 20 anni regione ammette, quasi 8000 edifici ancora danneggiati
Andrea Liberati

 Inquinamento Nera: “l’Arpa tiri fuori i dati sulla contaminazione

“Le informazioni diffuse dal Movimento 5 Stelle il 6 maggio 2016 relativamente ad uno studio da parte di Thyssen che certifica la forte concentrazione da nichel e cromo nelle acque del Nera, insieme ad altre analisi riguardanti la contaminazione dei pozzi interni allo stabilimento Thyssen, hanno trovato pienamente conferma nelle corrispondenze ufficiali tra le varie istituzioni”. Così il capogruppo regionale del M5S, Andrea Liberati, in una nota “condivisa anche dal consigliere comunale di Terni Thomas De Luca”. Liberati ricorda che il M5S “circa 20 giorni fa aveva pubblicamente le risultanze inedite delle analisi effettuate nelle falde sottostanti il polo siderurgico, senza avere risposta alcuna e nel più totale silenzio di tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione. La follia di questa storia che lascia davvero sconcertati – aggiunge – è che il Comune e il Sindaco di Terni non siano stati minimamente informati della questione, dimostrando pienamente un ruolo di concreta marginalizzazione delle autorità locali.

Lo stesso Sindaco Leopoldo Di Girolamo, infatti, di fronte alle nostre dichiarazioni è stato costretto a chiamare in causa Arpa, Usl e Regione Umbria evidenziando ‘la necessità di conoscere se le notizie abbiano un fondamento scientifico e, in caso affermativo, chiedo se sia opportuno procedere all’emissione di un’ordinanza sindacale in virtù dei poteri conferitimi dalla legge’. La situazione però – spiega Liberati – raggiunge livelli a dir poco grotteschi per il rapporto dello studio ecotossicologico di parte Thyssen sulle acque del Nera considerando che Di Girolamo è al contempo Presidente della Provincia, ente in possesso di questi dati”.

Il capogruppo pentastellato rileva inoltre che Il Ministero dell’ambiente “conferma invece la contaminazione da Cromo esavalente in tre pozzi campionati, da tetracloroetilene in altri due e da solfati in un ulteriore pozzo. Le aree campionate non si troverebbero soltanto nell’area dell’ex discarica ma per la prima volta anche all’interno dello stabilimento Ast. Lo stesso Ministero – sottolinea – chiama anche direttamente in causa Arpa e Ast, chiedendo una immediata attivazione al fine di ricercare la fonte della contaminazione, dichiarando quali sono le misure preventive adottate fino ad oggi e valutando il rischio di queste contaminazioni”.

Liberati si chiede come l’Arpa “di fronte alle normative nazionali e internazionali che garantiscono l’universalità dell’accesso ai dati ambientali” possa continuare “a nascondere alla città tali informazioni che certificano lo stato di contaminazione delle falde acquifere. Anche il direttore Ganapini che dovrebbe incarnare parte della storia dell’ambientalismo italiano – conclude il capogruppo pentastellato – si sta cimentando in una nuova forma di negazionismo in salsa umbra, un negazionismo 2.0, certamente più tecnico e scientifico rispetto alle castronerie della vecchia gestione, ma per questo molto più pericoloso”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*