Inchiesta Spada, M5s Terni, un’altra umiliazione per la Città

Il PD e Leopoldo Di Girolamo hanno voluto proseguire come se nulla fosse

Inchiesta Spada, M5s Terni, un'altra umiliazione per la Città

Inchiesta Spada, M5s Terni, un’altra umiliazione per la Città

dal Movimento 5 Stelle di Terni
Le notizie che arrivano oggi da Palazzo Spada
e questura sono forse l’ultima umiliazione che il PD ha riservato alla nostra comunità. Alcune fonti giornalistiche parlano di 3 arresti, tra cui l’assessore al Bilancio Piacenti D’Ubaldi e l’amministratore unico di TerniReti Vincenzo Montalbano. 

Ricordiamo in proposito come il M5S si era già occupato della questione Terni Reti con una relazione della IV commissione di Garanzia e controllo presieduta da Federico Pasculli. Non sappiamo ancora se i fatti in esame della suddetta commissione rientrino nell’indagine ma è da oltre un anno che l’Amministrazione comunale è oggetto di indagini giudiziarie, indagini che hanno già condotto all’arresto di sindaco, assessore, oltre a numerosi altri provvedimenti a carico di funzionari pubblici e imprenditori locali.

Il PD e Leopoldo Di Girolamo hanno voluto proseguire come se nulla fosse, volendo far credere che era tutto a posto, sfidando cittadini e Istituzioni, nel silenzio complice di alcune opposizioni e di pezzi deviati di città, scudati dietro le parole: non veniteci oggi a parlare di garantismo per la casta, quando nessuno è garantista con famiglie e imprese costrette ad accollarsi maxi debiti, contratti soltanto per ingrassare il ‘sistema’.

Questi ennesimi fatti dimostrano che la sfida politica, amministrativa e gestionale è perduta a Terni, in Umbria e nel Paese: siamo pienamente dentro un collasso morale ed economico che ormai rischia di travolgere anche le tante forze sane della città.

Siamo stati gli unici a ribadire costantemente come la questione giudiziaria fosse tutt’altro che terminata con la ‘scarcerazione’ del sindaco: i gravi indizi di colpevolezza erano e sono ancora tutti lì, così come sono lì i lucrosi affari dei soliti noti.

Seguiremo attentamente gli sviluppi delle prossime ore e se necessario non mancheremo di sollecitare il Prefetto, affinché questi assuma ogni più utile decisione per la città: basta con dilazioni, differimenti, ciniche strategie per evitare il voto sulla pelle dei ternani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*