Impianto di compostaggio di Pietramelina, esposto dei 5stelle alla Corte dei Conti

Vicenda Gesenu, comitato di Pietramelina sono anni che sostiene quanto dice Rossetti del M5S
Discarica Pietramelina

La gestione dell’impianto di compostaggio di Pietramelina entra nel mirino del M5S che domani mattina 28 maggio presenterà un esposto alla Corte dei Conti di Perugia. L’esposto è a firma del candidato alla presidenza della Regione Umbria, Andrea Liberati, del candidato al Consiglio regionale Marco Montanucci e del deputato Filippo Gallinella.

La richiesta di indagini da parte di Liberati, Montanucci e Gallinella alla magistratura contabile è relativa “a presunti costi sovrastimati relativamente al carburante, allo smaltimento del percolato ed allo smaltimento degli scarti”. Non solo i portavoce 5stelle chiedono di fare chiarezza anche in merito al processo di trattamento del compost. “Nell’analisi del ‘Progetto di ottimizzazione del processo di produzione di compost di qualità e di miglioramento delle prestazioni ambientali’ relativo all’impianto di compostaggio di Pietramelina – spiegano Liberati, Montanucci e Gallinella – si indica un ammontare complessivo di scarti da inviare a smaltimento del 20% con un costo complessivo pari ad 1.050.000 euro, a fronte di una media nazionale di scarti, accertata nel 2013, pari al 4,8%”.

L’esposto prosegue calcolando i possibili effetti economici. “Un quantitativo di scarti così alto rispetto alla media nazionale – continuano i 5stelle – solleva dubbi sull’investimento di denaro pubblico e sui possibili effetti a livello tariffario. Le migliore tecnologie dovrebbero aumentare l’efficienza dell’impianto, riducendo drasticamente gli scarti, e aumentare la qualità del compost prodotto. Una quantità di scarti così alta potrebbe produrre un danno economico a carico dei cittadini di circa 800.000,00 euro annui, in quanto, attestandoci sulla media nazionale del 4,8%, lo smaltimento peserebbe per soli 252.000 euro anziché 1.050.000 euro.

Chiediamo alla Corte dei Conti di accertare un eventuale danno erariale”. La denuncia del M5S alla magistratura contabile giunge a poche ore dell’esposto presentato dai penta stellati ai carabinieri del Noe di Perugia sulla situazione di degrado negli alvei del fiume Clitunno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*