Impianti bike sharing, la grande rivoluzione della giunta Boccali!

carla-spagnolida Carla Spagnoli
PERUGIA – Da domenica mattina è entrata in funzione un’altra stazione di bike sharing, quella del centro storico in piazza Italia, composta da 3 biciclette a pedalata assistita e da 5 colonnine per la ricarica di bici elettriche. L’amministrazione Boccali ha inoltre annunciato l’attivazione a breve di altre due stazioni bike sharing che sorgeranno in via Pascoli, dove c’è la mensa universitaria, e presso i giardini del Frontone… Quindi, avanti tutta con il bike sharing, in una città “notoriamente pianeggiante” come Perugia! Così, mentre in non poche città italiane si prende atto del fallimento di questo progetto (come a Roma per esempio) a Perugia non solo questo non avviene, ma la giunta si affretta ad annunciare altre nuove stazioni, come se il maggior interesse dei perugini fosse quello di andare in bici su e giù per le impervie salite della città! E quali sarebbero i tragitti adatti al percorso in bicicletta? Forse la salita di via dei Priori o quella di Maestà delle Volte?

La giunta Boccali, così “sensibile” alle istanze ambientali e del centro storico, perché non invoglia i perugini a passeggiare di nuovo sulle vie del centro attraverso provvedimenti seri, attivandosi ad esempio per abbattere i costi vergognosi dei parcheggi e aprendo il centro storico? Dopo il fallimentare investimento del minimetrò, un altro costoso investimento fallimentare….? Il bike sharing è costoso e ci risulta che abbia costi di manutenzione non indifferenti (costi pubblicati per legge nelle altre città).. Quanto si spende a Perugia per la manutenzione degli impianti e delle bici? Perché la richiesta da parte del Movimento per Perugia di conoscere i costi per la manutenzione delle bici è stata rigettata, adducendo come scusa un vizio di forma? Perché l’amministrazione della nostra città continua a investire su progetti fallimentari, a spese di noi cittadini?

Carla Spagnoli
Presidente Onorario del Movimento per Perugia

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*