Immigrazione, Carla Spagnoli: “Anno nuovo, vita vecchia!”

I numeri per il 2016 sono impietosi, se si pensa che nel 2015 la quota massima prevista di richiedenti asilo in tutta l’Umbria era di 1554 unità e i richiedenti asilo ospitati sono stati 1229

Immigrazione: anno nuovo, vita vecchia!

da Carla Spagnoli (Presidente Movimento per Perugia) – Il nuovo anno regalerà agli umbri nuovi immigrati da ospitare, come sempre, a spese nostre! Le Prefetture di Perugia e Terni, infatti, hanno indetto due bandi per l’affidamento dei servizi di accoglienza nel 2016 che prevedono l’arrivo di circa 1546 profughi nella sola provincia di Perugia e di altri 325 nella provincia di Terni.

I numeri per il 2016 sono impietosi, se si pensa che nel 2015 la quota massima prevista di richiedenti asilo in tutta l’Umbria era di 1554 unità e i richiedenti asilo ospitati sono stati 1229 (dati del 5 ottobre)… Quanti immigrati dovranno entrare ancora? L’Umbria, che è una piccola regione, in questi anni ha compiuto sforzi enormi per l’accoglienza dei profughi a discapito delle famiglie umbre: perché dobbiamo accoglierne altri? R

Ricordiamo anche che siamo la terza regione d’Italia a più alta incidenza di immigrati, che sono l’11% dei residenti complessivi, senza contare le centinaia di clandestini presenti nel territorio! Come se non bastasse, i due bandi prevedono appalti stimati in oltre 12 milioni per l’accoglienza nella provincia di Perugia e in circa 2,7 milioni per la provincia di Terni!

Con buona pace delle famiglie umbre in difficoltà e sotto sfratto, delle oltre 500 aziende fallite in Umbria negli ultimi due anni e delle Forze dell’Ordine in crisi di organico, per le quali ancora oggi non si trovano risorse…!

La priorità, per l’Umbria e per l’Italia di Renzi, è garantire a ogni immigrato accolto vitto, alloggio, vestiario, ricariche telefoniche e altri servizi! Gli oltre 15 milioni di euro complessivi previsti dai due bandi saranno ovviamente intascati dalle “solite” cooperative sociali e ARCI ormai specializzate nel “business dell’accoglienza”, un business trasversale e «più redditizio della droga», come rivelato dalle intercettazioni di Mafia Capitale.

Immigrazione

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*