Guasticchi, rimettiamo il crocefisso, obbligatorio, nelle scuole italiane

Guasticchi, rimettiamo il crocefisso, obbligatorio, nelle scuole italiane

Guasticchi, rimettiamo il crocefisso, obbligatorio, nelle scuole italiane

“Rimettiamo il crocefisso, obbligatorio, nelle scuole italiane”. E’ quanto scritto oggi sul proprio profilo Facebook, da Marco Vinicio Guasticchi, membro della direzione nazionale Pd e vice-presidente dell’assemblea legislativa dell’Umbria, esponente di spicco della cosiddetta area “renziana” della prim’ora. Un post sintetico che ha immediatamente generato un dibattito a più voci anche su twitter che a 140 caratteri ha ripreso e rilanciato la presa di posizione alquanto netta. “Per chi è rimasto scandalizzato – ha dichiarato fra un post e l’altro Guasticchi, rispondendo a diverse sollecitazioni on-line – voglio precisare che il crocefisso rappresenta la nostra cultura cattolica, quella stessa cultura in cui mi sono formato e sono cresciuto. Non vuol dire scambiare lo stato laico con uno confessionale. Vorrei però ricordare a quelli che si stupiscono che in molti casi la tolleranza non è reciproca. Pensate soltanto a quanti cristiani vengono martirizzati ogni anno ed ovunque senza che le coscienze dei cosiddetti laici vengano turbate”.

crocefisso

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*