Grifo Latte, Smacchi (PD), “Pieno sostegno allo sciopero dei Lavoratori in stato di agitazione”

“Sostegno convinto allo sciopero di otto ore dei lavoratori della Grifo Latte, indetto per martedì 23 settembre a causa della mobilità per i dipendenti del magazzino” Così il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd) che, proprio in merito al futuro del magazzino, ricorda di essere intervenuto nello scorso mese di Agosto con un interrogazione alla Giunta regionale che sarà discussa dall’Assemblea legislativa il prossimo 23 settembre.

“Attraverso questo atto – chiarisce l’esponente Pd – chiedo quali urgenti interventi l’Esecutivo intenda intraprendere per la salvaguardia delle maestranze del magazzino, ma anche di chiarire i termini della eventuale esternalizzazione”.

Smacchi ritiene “pienamente legittima la mobilitazione dei lavoratori, stante la resistenza dei dirigenti dell’Azienda a trattative per scongiurare la futura esternalizzazione.

E per questa ragione – fa sapere -, oltre all’interrogazione, chiederò l’audizione in Seconda Commissione consiliare del presidente della Grifo Latte Carlo Catanossi che dovrà chiarire, in quella sede, quale sia la reale volontà e la futura politica aziendale”. Smacchi sottolinea che “la Grifo Latte, azienda leader nel settore del latte e dei suoi derivati, controlla quasi il 90 per cento della produzione e la Regione stessa è presente nel capitale sociale con 191mila 156 euro che sono circa il 21 per cento delle quote. Tale partecipazione obbliga quindi la Regione ad approfondire le dinamiche che hanno indotto la direzione aziendale a portare avanti queste scelte”.

Per Smacchi “le istituzioni regionali devono interessarsi alla riorganizzazione dell’assetto societario, che ha già visto la chiusura di alcuni siti produttivi, poiché – conclude -, da un lato il magazzino è di importanza assoluta per il territorio su cui insiste e, dall’altro vanno assolutamente tutelati, come legittimamente richiesto dai lavoratori in sciopero, i diritti dei dipendenti stessi”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*