Grave intimidazione neofascista alla sede Cobas Germinal Cimarelli Terni

lasciato in bella vista sulla scrivania dell’organizzazione sindacale un grosso coltello con tracce di vernice rossa

Grave intimidazione neofascista alla sede Cobas Germinal Cimarelli Terni

Grave intimidazione fascista alla sede Cobas Germinal Cimarelli Terni  TERNI – Nella notte di domenica 7 novembre una squadraccia neofascista si è introdotta nella sede del Centro Sociale Germinal Cimarelli. Dopo aver devastato alcuni locali del centro sociale con vernice nera e scritte inneggianti ad Hitler questi personaggi hanno sfondato la porta della sede della Confederazione Cobas di Terni che si trova al primo piano del centro sociale di via del Lanificio, hanno gettato a terra oggetti, hanno tracciato delle scritte nella sede e hanno lasciato in bella vista sulla scrivania dell’organizzazione sindacale un grosso coltello con tracce di vernice rossa. Consideriamo questo un atto grave frutto di una penosa ideologia con cui abbiamo fatto i conti oltre 70 anni fa.

Nonostante il chiaro scopo intimidatorio, i Cobas rivendicano e ribadiscono il loro totale impegno nelle lotte a favore dei lavoratori, dei precari , dei disoccupati, dei migranti, per la difesa della scuola pubblica e dell’ambiente e contro i progetti affaristici che attaccano la salute pubblica ed il territorio, come gli inceneritori o il nefasto acquedotto sul Nera.

L’esecutivo Provinciale dei Cobas della scuola considera fuori dalla storia questo penoso tentativo di intimidazione e queste azioni squadristiche che continuano a caratterizzare le pratiche delle organizzazioni neofasciste, intrise di razzismo ed esaltazione del nazismo, nonostante le facciate perbeniste presentate in pubblico.

Continueremo la nostra attività antifascista ancora più consapevoli della necessità di ricacciare queste carogne nelle fogne della storia da cui provengono, seguendo l’esempio del partigiano Germinal Cimarelli che dà il nome alla struttura dove -come sindacato di base- abbiamo scelto di collocare la nostra sede, in bel un quartiere operaio e multietnico offeso da questo atto vandalico.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*