Giustizia, Laffranco (FI), governo stabilizzi tirocinanti

E' necessario provvedere quanto prima ad una stabilizzazione

Giustizia, Laffranco (FI), governo stabilizzi tirocinanti

Giustizia, Laffranco (FI), governo stabilizzi tirocinanti

PERUGIA – “Chiediamo al ministro Orlando quali interventi urgenti il GOVERNO intenda assumere al fine di provvedere la stabilizzazione dei tirocinanti della giustizia, in modo da non disperdere il patrimonio di esperienza e professionalità e di cui può continuare ad avvalersi il sistema giudiziario italiano”.Lo chiede il deputato di Forza Italia, Pietro LAFFRANCO, in una interrogazione al ministro della Giustizia.

“In Italia – prosegue il deputato azzurro – si hanno circa 850 tirocinanti (alcuni dei quali anche in Umbria) impiegati da 7 anni negli uffici giudiziari, in continua formazione nel cosiddetto ufficio del processo, a gestione diretta del Ministero della giustizia, con una retribuzione di 400 euro lordi al mese con nessun progetto di stabilizzazione per il futuro.

I cosiddetti ‘precari della giustizia’ sono lavoratori cassintegrati, in mobilita’, disoccupati che provengono da vicende di espulsione dal mondo del lavoro, vittime di crisi economiche aziendali, laureati, avvocati, specializzati con titoli di altissimo livello professionale la cui situazione produce evidenti danni di natura sia economica sia sociale.

Dai proclami fatti dal Ministro, che ha piu’ volte dichiarato pubblicamente la volonta’ di non disperdere tali professionalita’, non e’ stata intrapresa alcuna azione concreta al fine di prevedere un inserimento dei lavoratori-tirocinanti della giustizia.

A nostro avviso, invece, e’ necessario provvedere quanto prima ad una stabilizzazione dei soggetti citati, attraverso apposite selezioni pubbliche che tengano conto della loro esperienza e professionalita’. In tal senso, FORZA ITALIA ha gia’ pronti emendamenti alla legge di Bilancio”, conclude LAFFRANCO.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*