Giunta vara riorganizzazione del personale

In vendita 11 complessi immobiliari di proprietà della Regione Umbria

Giunta vara riorganizzazione del personale

Oltre 2 milioni di risparmio a partire dal prossimo anno fino ad arrivare a regime al 2020 ad un abbassamento della spesa per oltre 9 milioni di euro. Il tutto con una migliore ed aggiornata organizzazione della struttura. Partirà dal prossimo primo maggio il processo di riorganizzazione del personale dirigente in Regione. La Giunta regionale, su proposta dell’assessore al personale Antonio Bartolini, ha approvato la delibera che dà il via ad un percorso che dal 1 gennaio 2017 porterà all’assetto definitivo dei servizi e dirigenti.

“E’ un atto molto importante e complesso perché si tratta di una nuova e vera riorganizzazione dell’intera macchina regionale che tiene conto dei grandi cambiamenti di questi ultimi tempi. Le riforme istituzionali nazionali e regionali che hanno interessato Province, Enti, Agenzie ecc. hanno prodotto una vera e propria rivoluzione nell’assetto del personale regionale. Nella nuova organizzazione dunque bisogna tener conto dell’incremento delle funzioni regionali derivanti dal riordino istituzionale per le quali l’organico regionale è aumentato di complessive 392 categorie professionali (di cui 197 trasferite e 195 in avvalimento per la gestione dei servizi per l’impiego).

Tutto ciò però – ha sottolineato l’assessore Bartolini – non ci ha impedito di ‘riformare’ la macchina contenendo le spese e dunque alleggerendo il carico del personale, senza toccare la qualità dei servizi erogati e salvaguardando l’occupazione. La consistenza del personale dirigenziale della Regione, nell’ultimo biennio, era già scesa dalle 74 unità del 1° novembre 2013 alle 66 unità del 1° marzo 2016: diventeranno 65 dal primo maggio (comprensive delle 4 unità, 2 trasferite e 2 in assegnazione temporanea, acquisite da Province e Centri per l’impiego). Inoltre, nello scorso mese di febbraio, la Giunta aveva provveduto anche a ridurre il numero delle Direzioni regionale che sono passate da 8 alle 6 attuali, anche qui con un significativo risparmio di spesa.

A ciò andranno aggiunti i prepensionamenti sia del comparto dirigenti (con un risparmio di 1.120.000 euro al 2020) e del personale (con un risparmio di circa 6.560.000 euro sempre al 2020). Diminuisce anche il rapporto dirigenti-personale che da 1 a 19 passerà ad 1 a 26″.

Con questo atto di riorganizzazione, che la Giunta regionale ha approvato, proprio i 6 Direttori hanno formulato le proposte dei nuovi assetti dirigenziali cui ricondurre le funzioni regionali attribuite a ciascuna Direzione. L’articolazione prende a riferimento l’esigenza di ricomporre le funzioni e procedimenti coinvolti dal processo di riordino istituzionale attuato dal 1° dicembre 2015 e tiene conto di ulteriori adeguamenti della normativa europea, nazionale e regionale di settore che precisano le attribuzioni e i compiti delle regioni (ad es. in materia di digitalizzazione, di finanza pubblica, di interventi attuativi del POR FSE e del POR FESR 2014-2020, etc).

Conseguentemente, ogni Direzione è stata dotata delle strutture dirigenziali adeguate alle funzioni ed alle competenze assegnate alla macroarea: ciascuna posizione dirigenziale è stata caratterizzata in termini di denominazione, funzioni, profilo e graduazione. In questa occasione si è proceduto anche ad accorpare i servizi personale (da 2 ad uno), il turismo con il commercio ed le infrastrutture con i trasporti. Sono stati invece istituiti il Coordinamento per i servizi digitali (DCO) e la struttura dirigenziale per il pagamento dei fondi europei che consentirà un accelerazione dei pagamenti stessi.

Sempre in tema di semplificazione amministrativa è stato istituito un apposito servizio che si occuperà anche di correttezza e trasparenza amministrativa. Nel corso dei prossimi mesi si procederà anche ad una razionalizzazione del servizio comunicazione e quello della protezione civile. L’approvazione dei nuovi assetti dirigenziali consente di procedere entro il prossimo 30 aprile al conferimento degli incarichi nel rispetto delle disposizioni in materia di anticorruzione e trasparenza.

Entro questo termine infatti, attraverso una procedura pubblica, la Giunta regionale consentirà ai propri dirigenti di far conoscere la manifestazione d’interesse al servizio cui ambiscono. Nel mese di maggio si procederà poi all’individuazione delle posizioni organizzative. A novembre i direttori procederanno ad una valutazione del nuovo assetto dei servizi in modo da avviare definitivamente il processo di riorganizzazione dal 1 gennaio 2017.

riorganizzazione del personale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*