Liberati (M5S), Marini incompatibile con carica presidente

Per il Pentastellato, essere presidente esecutivo e dirigente, in aspettativa, LegaCoop Umbria, è in conflitto di interesse

Liberati (M5S), Marini incompatibile con carica presidente
CATIUSCIA MARINI

Liberati (M5S), Marini incompatibile con carica presidente

“Ho inviato all’ufficio di presidenza dell’Assemblea legislativa dell’Umbria la richiesta formale di attivazione nei confronti del consigliere Catiuscia Marini della procedura di contestazione di condizione di incompatibilità alla carica di presidente della Giunta regionale”. È quanto dichiara il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Andrea Liberati. “È fuor di dubbio – si legge nella lettera – che, sin dalla scorsa legislatura, l’attuale presidente della Giunta regionale, consigliere Catiuscia Marini, fosse dipendente, con qualifica di dirigente, di Legacoop Umbria, che ha sede legale ed è largamente operante sul territorio della Regione.

In proposito, tenuto conto delle competenze in capo alla Giunta regionale, la cui politica è diretta e coordinata dal suo presidente, che ne è responsabile, appare evidente, a giudizio di chi scrive, che l’essere titolare, nello stesso tempo, della carica di presidente dell’esecutivo regionale e della posizione professionale di dirigente, ancorché in aspettativa, di LegaCoop Umbria configuri, nei riguardi del consigliere Catiuscia Marini, fattispecie di conflitto di interessi, nonché sussistenza di condizione di incompatibilità alla carica di presidente di Giunta.

A sostegno di questo giudizio basta ricordare, a titolo meramente esemplificativo, il testo della deliberazione della Giunta regionale numero 800 adottata dalla Giunta regionale il 3 luglio 2012, peraltro col voto favorevole del capo della Giunta medesima, con la quale direttamente e prontamente sono stati recepiti i contenuti di una nota Legacoop Umbria pervenuta in Regione pochissimi giorni prima”. “Con la presente – conclude la lettera di Liberati – si formula formale richiesta al presidente e ai componenti dell’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea Legislativa regionale di sollecita attivazione della procedura di contestazione di condizione di incompatibilità del consigliere Catiuscia Marini alla carica di presidente della Giunta regionale, conformemente all’articolo 7, commi da 3 a 8, Legge 23 aprile 1981, numero 154 e successive modificazioni (Norme in materia di ineleggibilità ed incompatibilità alle cariche di consigliere regionale, provinciale, comunale e circoscrizionale e in materia di incompatibilità degli addetti al Servizio sanitario nazionale)”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*