Giampiero Tamburi (Movimento Popolare di Mediazione): “Andare al voto…”

Tamburi, Realtà Popolare, un momento di solidarietà che non possiamo perdere.
Giampiero TAMBURI

…oggi è come prendere un’astronave per esplorare un pianeta di qualche sistema solare a te sconosciuto. Appena poggi i tuoi piedi sopra al suolo, ti ritrovi avanti agli occhi una miriade di alieni di tutti i colori: bianchi, verdi, azzurri, rossi, gialli, con una serie di sfumature infinite, che pensano solo ad una cosa: primeggiare sugli altri per ottenere più potere! Che siano collocati a destra o a sinistra no fa differenza, parlano tutti la stessa lingua. Una lingua a te sconosciuta di cui comprendi una sola parola: “VOTAMI”. Sei confuso, timoroso, non capisci. Il primo istinto che hai è quello di riprendere la tua astronave ed allontanarti il più possibile da quel posto, non dando retta a nessun alieno. Poi, fatta mente locale, riprendi il controllo delle tue azioni e ti convinci che fuggire non servirebbe a nulla perché, anche se i vari partiti ti esortano a recarti alle urne, comprendi benissimo che, se fosse il contrario di quello che dicono, andrebbe molto meglio per loro perché; meno persone votano e più la situazione è gestibile per loro. A questo punto, in te, la curiosità prende il sopravvento sulla paura e vorresti conoscere a fondo le loro intenzioni. Ma non sai come fare per essere sicuro di non cadere nella loro rete. Allora ti viene un’idea! Come Ulisse ti fai legare all’albero maestro della nave e dopo esserti assicurato che non ti puoi slegare, affronti il canto delle sirene ammaliatrici. Qualcuna ti convince e vorresti andargli incontro ma, per fortuna non puoi scioglierti. Da destra ti sussurrano all’orecchio; “Ulisse sei a casa. Questa è Itaca”. Mentre da sinistra senti la voce della tua amata che ti dice; “Ulisse vieni. È la tua Penelope che ti aspetta”. Tanta sofferenza che svanisce all’improvviso quando non sei più preda di questi alieni, per te incomprensibili.

Giampiero Tamburi
Movimento Popolare di Mediazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*