Giacopetti, Pd: “Servizi sociali e per l’infanzia non sono solo un costo”

Pd cantiere di idee aperto a tutti, Giacopetti: "Da Circoli a chi è in Parlamento". Parla il segretario del Pd di Perugia
giacopetti

PERUGIA – “I nostri bambini non sono un costo, sono il nostro futuro e sono futuro le politiche sociali e gli spazi di aggregazione, primo presidio di comunità oltre che di prevenzione e sicurezza. I primi annunci relativi al piano di tagli del Comune di Perugia mi allarmano e mi sconcertano”. Così, in una nota, il segretario del Pd di Perugia Francesco Maria Giacopetti. “Parto da un presupposto: tagliare i costi, ridurre le spese, azzerare gli sprechi, efficientare la macchina pubblica e renderla trasparente, veloce e utile, è una sacrosanta e condivisa necessità per il bene dei cittadini.

E’ quello che, negli anni, ha fatto e sta facendo la Regione Umbria e hanno fatto e stanno facendo gli enti locali e le amministrazioni di centrosinistra, anche a Perugia, ultima la giunta Boccali. Ma la spending review da 20 milioni della giunta Romizi mi preoccupa. Non perché applico una visione ‘vetero-ideologica’ alla gestione del bene pubblico, ma perché ritengo che non si possa parlare di un servizio a partire dal suo costo, bensì dalla sua utilità e della sua funzione per la tenuta della città e per la sua crescita”.

“Vendere palestre e cva – aggiunge Giacopetti – significa rinunciare a luoghi di comunità molto spesso a servizio di anziani e bambini. Sforbiciare sui servizi sociali significa amplificare solitudini e disagio, significa abbandonare famiglie in difficoltà, significa delegare la cura del benessere sociale alla buona volontà di pochi o alla logica del profitto e dei numeri. In un’epoca di crisi, infine, con un tessuto sociale fortemente parcellizzato e con famiglie sempre più precarie, l’asilo nido rappresenta un servizio vitale e il suo costo è una componente piuttosto pesante del bilancio familiare”. Spiega il segretario cittadino: “Non è in discussione la qualità del servizio privato, anzi. E’ in discussione la sostenibilità del servizio da parte dei genitori e soprattutto la tutela di chi nel servizio ci lavora. Non vorrei, cioè, che a farne le spese, alla fine, siano le tasche di mamme e papà e gli stipendi delle maestre.

Per anni le amministrazioni di centrosinistra, per ultima quella a guida Boccali, pur denunciando crescenti difficoltà e risorse sempre più scarse, hanno sempre mantenuto equilibrio nella tassazione, un alto livello dei servizi alla persona, un impegno per l’universalità del loro godimento”.

“Spero che ci sia spazio per una concertazione sui criteri e sull’oggetto dei tagli – conclude Giacopetti – quantomeno che ci sia la volontà di ascoltare, nel merito, le esigenze della città, delle famiglie, dei lavoratori. Una famiglia in difficoltà si riunisce e decide le sue priorità e le spese da tagliare insieme; una famiglia in difficoltà non mette al primo posto delle spese da tagliare l’istruzione dei figli o la cura degli anziani. Spero, dunque, che si possa mantenere l’orizzonte di un ente locale che non si preoccupa solo di gestire, ma anche di progettare uno sviluppo che sia equo, sostenibile e attento all’interesse generale”.

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

  1. Dove sono finite le promesse fatte in campagna elettorale? Romizi aveva promesso che noi della zona nord avremmo pagato il50% della tassa dei rifiuti e oggi ho visto che non è cambiato nulla. Dopo 30 anni di disagi vorremmo almeno non essere presi in giro lui lo sapeva in che stato erano le casse del comune.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*