Galleria Kennedy, Cantiere fermo, documenti incompleti ditta appaltatrice

Galleria Kennedy, Cantiere fermo,
Galleria Kennedy, Cantiere fermo,

Galleria Kennedy, Cantiere fermo, documenti incompleti ditta appaltatrice

DOCUMENTAZIONE INCOMPLETA

In riferimento alle dichiarazioni rilasciate agli organi di informazione dalla ditta Cofam srl, titolare dell’appalto per la realizzazione dei nuovi ascensori della galleria Kennedy a Perugia, si specifica che la ditta in questione ha presentato il progetto di variante al Servizio Controllo Costruzioni della Provincia  incompleto della documentazione necessaria seppur richiesta. Questa la cronistoria: in data 19 marzo 2015 la ditta Cofam srl, ha presentato la richiesta di autorizzazione per la realizzazione di un ascensore in via XIV settembre.

DOCUMENTI MAI PERVENUTI

Per tale progetto i tecnici della Provincia hanno chiesto una documentazione integrativa mai pervenuta. Nel frattempo, nel corso dell’istruttoria contestuale con il Comune di Perugia, è stato comunicato alla Provincia che sarebbe stata presentata una variante al progetto su iniziativa dell’impresa.

Tale nuovo progetto, con richiesta di autorizzazione ai lavori, è stato presentato lo scorso 2 settembre. Esaminata la pratica, il 23 settembre gli uffici della Provincia hanno fatto richiesta alla ditta della necessaria documentazione integrativa presentata lo scorso 13 ottobre purtroppo ancora incompleta.

La richiesta di documentazione per tali realizzazioni è doverosa ai fini della corretta esecuzione di opere pubbliche che devono essere effettuate nel totale rispetto degli standard previsti.

Eventuali ritardi non sono pertanto addebitabili agli Uffici della Provincia, ma piuttosto a chi non ci ha finora consentito, tramite la presentazione della documentazione tecnica necessaria ed idonea, di poter rilasciare l’autorizzazione richiesta.

Come troppo spesso accade, si presumono inadempienze da parte di uffici pubblici senza approfondire le informazioni reperite, magari presso gli uffici stessi.

Galleria Kennedy

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*