Frecciarossa, Leonelli: Un passo avanti per l’Umbria, una vittoria del PD

"La conferenza stampa di domani della Presidente Catiuscia Marini sull'arretramento del Frecciarossa a Perugia è veramente un'ottima notizia"

Domani la conferenza stampa della Presidente Marini sulla partenza del Frecciarossa da Perugia
Domani la conferenza stampa della Presidente Marini sulla partenza del Frecciarossa da Perugia

Come ho avuto più volte modo di dichiarare – spiega il consigliere e Segretario regionale del Partito Democratico Giacomo Leonelli – quello di dare all’Umbria dei collegamenti ferroviari, sulla direttrice dell’Alta Velocità, finalmente all’altezza delle aspettative dei nostri concittadini deve essere uno dei punti qualificanti di questa legislatura e non rinviabile. Quindi la notizia che domani vi sarà la conferenza stampa della Presidente Catiuscia Marini sull’arretramento del Frecciarossa a Perugia è veramente un’ottima notizia”.


Siamo stati i primi a volere il Frecciarossa a Perugia – ricorda Leonelli, – come primo passo per il collegamento all’Alta Velocità, depositando una mozione, di cui ero primo firmatario, a maggio e votandola a luglio.

“Sappiamo che la strada verso la soluzione Frecciarossa non è stata in discesa e l’atteso annuncio della realizzazione di un primo servizio, anche se non esaustivo simultaneamente di tutte le esigenze del territorio regionale, va accolta con favore. L’ufficialità del servizio, rivolto a una clientela prevalentemente “business”, sarebbe un grande passo avanti per l’Umbria, ed in particolare per il suo sviluppo, ed è una bella vittoria per il PD umbro che più volte ha ribadito come il collegamento all’Alta Velocità regionale fosse uno degli obiettivi prioritari di legislatura”.


“Decidere di concentrare gli sforzi regionali sull’arretramento del Frecciarossa da Arezzo a Perugia – conclude Leonelli – è stato frutto di un esercizio di realismo, quello di capire che fosse meglio portare a casa un obiettivo più realizzabile nell’immediato e che rappresenta un punto di partenza, non precludendo affatto la possibilità di concretizzare le altre ipotesi in campo, magari più affini ad altre istanze della nostra regione”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*