Frecciarossa in Umbria? Serva tutte le principali Comunità, no a soluzioni minimali

E' necessario invece offrire risposte a tutto il territorio regionale

Frecciarossa in Umbria? Serva tutte le principali Comunità, no a soluzioni minimali

Frecciarossa in Umbria? Serva tutte le principali Comunità, no a soluzioni minimali

da Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari – M5S Regione Umbria
PERUGIA – Poiché in Italia non vi è nulla più definitivo del provvisorio, è evidente come l’ipotizzato arretramento del Frecciarossa da Arezzo su Perugia, in orario antelucano, non costituisca la soluzione più utile ai tanti problemi di collegamento dell’Umbria intera su Firenze-Milano, ammesso che sia poi possibile tecnicamente. Infatti il capoluogo di Regione non ha al momento modo di mettere al riparo e in sicurezza il Frecciarossa medesimo durante la notte.

Palazzo Cesaroni, in una mozione approvata unitariamente nel luglio scorso, aveva richiesto altro: un nuovo servizio Freccia Terni-Perugia-Milano, con transito a Spoleto, Foligno, Assisi; la fermata del treno Frecciabianca a Spoleto e il rafforzamento di orari e collegamento del Frecciabianca stesso nell’asse Roma-Terni. Manca pressoché tutto.

Ribadiamo dunque per l’ennesima volta che, così come già fatto con successo da altre Regioni – ultima la Basilicata – è necessario invece offrire risposte a tutto il territorio regionale – specie dopo il sisma 2016 – disponendo pertanto una coppia di Freccia che fermino ad Assisi, Foligno, Spoleto e Terni, così come quelli della Basilicata, a mero titolo d’esempio, fermano a Ferrandina e a Metaponto (Comune di Bernalda, 12.000 abitanti).

Ancor più facile sarebbe aiutare Orvieto, posta sulla Direttissima: basterebbe parimenti far fermare una coppia di Freccia al giorno. Quanto ai costi, è dimostrato che un servizio ben centrato si ripaga da sé, con un effetto leva importante per un’economia da tempo asfittica quale quella umbra.

La Regione, pertanto, faccia la Regione, con uno sguardo d’insieme, tale da evitare di alimentare i campanili. Già tre anni or sono il Gruppo M5S alla Camera dei Deputati aveva individuato soluzioni utili a servire con mezzi veloci e di qualità tutte le principali comunità umbre: su nostra richiesta, il tema è stato nuovamente calendarizzato per la seduta del prossimo 7 novembre. Vediamo se una soluzione minimamente intelligente e concreta riesce per una volta a venir fuori.

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

  1. Rendere il frecciarossa un regionale per ricchi mi pare la stronzata perfetta per far balenare in testa ai cazzoni dirigenti di trenitalia di tagliare i regionali! Ci deve essere il frecciarossa a perugia e parallelamente va potenziata l’offerta di treni regionali e intercity!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*