Fondi attività scolastiche bambini, odg del gruppo Pd di Perugia

Per avere un quadro preciso della situazione

Fondi attività scolastiche bambini, odg del gruppo Pd di Perugia PERUGIA –
E’ stato presentato oggi un ordine del giorno dei Consiglieri Comunali del Partito Democratico Tommaso Bori, Sarah Bistocchi, Alessandra Vezzosi e Diego Mencaroni sui fondi per le attività scolastiche dei bambini, sul blocco dei tagli al bilancio e sull’aumento dei costi a carico delle famiglie.

“Il Comune di Perugia” – dichiarano i consiglieri del PD – “per cercare di garantire una eguaglianza effettiva di opportunità, predispone da anni un Programma di Offerte Culturali e di Opportunità Educative rivolte alla scuola dell’infanzia e dell’obbligo per di favorire la maturazione dei processi di conoscenza e socializzazione e la lettura del territorio ai fini educativi per garantire la piena realizzazione del diritto allo studio. A questo scopo è previsto un sostegno economico alle Scuole, in misura non superiore alla metà della spesa totale sostenuta, quale compartecipazione del Comune di Perugia per garantire a tutti gli alunni l’effettiva partecipazione alle varie attività che spaziano dall’educazione fisica, alle attività musicali, ai corsi di lingua straniera e di teatro fino ad arrivare alla promozione di attività letterarie e alla realizzazione di piece teatrali.”
“L’esperienza ludico-ricreativa delle attività extrascolastiche” – continuano i proponenti – “stimola la formazione della personalità, l’apprendimento di regole e l’integrazione sociale. I finanziamenti erogati alle scuole che ne fanno richiesta dal 2009 al 2012 sono state di € 75.000, nel 2013 € 74.000, nel 2014 € 54.000 e nel 2015 € 45.200. Nel Bilancio 2016 la cifra si è ulteriormente ridotto a € 30.000, poi cambiata a € 50.000 grazie all’impegno al lavoro fatto in Commissione. Ad oggi, quindi, la percentuale di finanziamento del Comune a tali attività è di circa il 30% ben al di sotto della soglia del 50% che di solito l’Amministrazione ha finanziato negli anni passati.”

“A ciò si aggiunge un dato di fatto non secondario, cioè che l’impossibilità di utilizzare i notevoli risparmi ottenuti dai genitori nella gestione dei comitati mensa, impossibilità che comporterà l’aumento del costo di tutte le attività extra-scolastiche a carico delle famiglie. Si tratta di una tassazione indiretta ed iniqua che va a danneggiare i bambini, soprattutto quelli appartenenti a famiglie in difficoltà economiche.”
“Abbiamo deciso, quindi, di presentare una proposta per chiedere a Sindaco e Giunta di adire genitori e dirigenti scolastici per avere un quadro preciso della situazione, di evitare l’aumento dei costi a carico delle famiglie dovuti all’azzeramento dei risparmi dei comitati mensa e delle associazioni dei genitori a causa delle scelte della Giunta sui servizi del settore, di ripristinare quanto prima i fondi e fermare i tagli alle attività e di dedicare i fondi del 5×1000 destinati al Comune di Perugia per reintegrare il fondo per le attività extrascolastiche, abbassando la quota di pagamento a carico delle famiglie per tali attività attraverso il reperimento di fondi privati provenienti da sponsorizzazioni ed erogazioni liberali.”

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*