Che fine ha fatto l’asilo nido del Residence Chianelli?

E’ stato anche donato un milione di euro per la Ricerca

Che fine ha fatto l'asilo nido del Residence Chianelli?

Che fine ha fatto l’asilo nido del Residence Chianelli?

Da Tommaso Bori (Consigliere Comunale PD)
PERUGIA – “Più di un anno fa” – dichiara il Consigliere Comunale del Partito Democratico Tommaso Bori – “questo Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità un mio ordine del giorno sulla realizzazione di un asilo nido all’interno della struttura del Chianelli, vicino all’ospedale Santa Maria della Misericordia”.

“Gli scopi del Comitato per la Vita Daniele Chianelli” – spiega il consigliere – “sono il sostegno della cura, l’assistenza sociale e psicologica dei pazienti bambini e adulti che sono ricoverati presso il reparto di Ematologia e Onco-ematologia pediatrica dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, nonché fornire un’assistenza globale alle loro famiglie che li assistono per tutto il decorrere della loro malattia. Grazie al prezioso aiuto di artigiani, industriali, commercianti, liberi professionisti e volontari, ingenti le somme donate alle Aziende Ospedaliere tra apparecchiature varie e ristrutturazioni, come la ristrutturazione ed il sostegno al Reparto di Pediatria Onco Ematologica, Day Hospital dell’Ematologia costruzione del Centro Trapianti “Andrea Fortunato”, acquisto di un Centro mobile di rianimazione (Autoambulanza), un Acceleratore Lineare, Ecografi e altre attrezzature.

E’ stato anche donato un milione di euro per la Ricerca (in borse di studio e investiti nel CREO- Centro Ricerche Emato-Oncologiche che, grazie alla collaborazione tra l’Istituto di Ematologia dell’Università di Perugia, diretta dal professor Brunangelo Falini e l’Istituto Weizmann di Israele diretto dal prof. Yair Reisner ha portato alla realizzazione di una tecnica innovativa per effettuare il trapianto di midollo osseo anche da soggetti non compatibili. Grazie a questa nuova procedura, tanti i pazienti adulti e bambini guariti da una malattia non altrimenti curabile”.

“Vista la necessità di realizzare un asilo nido limitrofo alla struttura sul modello di quello aziendale e territoriale presente alla Perugina, avevo presentato la proposta con cui chiedevo a Sindaco e giunta di sostenere tale progetto”.

“Purtroppo ad oggi” – conclude Bori – “non ci sono ancora notizie di questa struttura e nessuno sa se e quando effettivamente sarà realizzato l’asilo. Per questo motivo ho presentato oggi un’interrogazione con cui chiedo all’amministrazione cosa è stato fatto fino ad oggi ai fini della realizzazione dell’asilo presso il Residence Chianelli e quali sono le tempistiche di esecuzione della delibera in oggetto, ai fini di poter mettere a disposizione nel più breve tempo possibile questo importante servizio. Trovo davvero grave che, nonostante l’approvazione della proposta, ancora non sia stata data esecuzione ad una delibera che prevede la possibilità di agevolare una delle realtà sociali più importanti della città”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*