Ferroni/GC Perugia: “Arrestare studenti a scuola non serve certo a contrastare il narcotraffico”

consumo-droga_original-2(UJ.com3.0) CITTA’ DI CASTELLO – Apprendiamo dalla stampa che i Carabinieri, con tanto di unità cinofila fatta venire per l’occasione da Firenze, avrebbero operato due arresti in due istituti superiori di Città di Castello con accusa di spaccio per entrambi i ragazzi. Per l’ennesima volta le forze dell’ordine invece di occuparsi di porre un argine ai veri canali del narcotraffico che vessano la nostra regione organizza un blitz come al peggior capoclan mafioso a due ragazzi rei di avere con se nove grammi di marijuana l’uno e nove grammi di hashish l’altro. Invece di fare prevenzione e di sperimentare la legalizzazione di un commercio che ogni anno rimpingua le casse delle mafie si attua ancora una volta una politica repressiva, oramai applicata da decenni e risultata inutile.Nei fatti, il proibizionismo e la repressione hanno costituito il più formidabile incentivo economico per la produzione e diffusione illegale delle droghe proibite; un “valore aggiunto” impressionante per sostanze i cui prezzi consentono oggi – grazie alla proibizione – profitti imparagonabili a quelli di qualunque prodotto legale. Speriamo almeno che le forze dell’ordine nel visitare i nostri istituti superiori si siano resi conto della situazione in cui versa la scuola in Italia, l’istruzione peggiore di tutta l’Europa. l’Italia infatti è ultima nell’Europa a 27 per percentuale di spesa pubblica destinata alla cultura (1,1% a fronte della media del 2,2%). È al penultimo posto, seguita solo dalla Grecia, per la spesa in istruzione (l’8,5% a fronte del 10,9% dell’Ue a 27). Come Giovani Comunisti riteniamo sia meglio provvedere a dare un futuro a noi giovani, aumentando le spese per la cultura e l’istruzione, facendo prevenzione e bloccando quelli che sono i veri canali della droga, che applicare una legge fascista come la Bossi-Fini.
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*