Femministe silenti dinanzi a centinaia di donne lavoratrici umbre terrorizzate e disperate

Carla Spagnoli attacca per il silenzio dimostrato dai movimenti femministi nei riguardi della lavoratrici della Perugina e Colussi

Femministe silenti dinanzi a centinaia di donne lavoratrici umbre disperate
CARLA SPAGNOLI

Femministe silenti dinanzi a centinaia di donne lavoratrici umbre terrorizzate e disperate

da Carla Spagnoli,
Presidente Movimento per Perugia
PERUGIA – È proprio vero che al peggio e all’indecenza non c’è mai fine! Come si può commentare lo scempio fatto l’8 marzo da “4 gatti” pseudo-femministe che hanno inscenato, di fronte alla Cattedrale di Perugia (luogo sacro per i cristiani!) un’oscena parodia delle litanie cattoliche? Una parodia schifosa, volgare, inutile e provocatoria, che la dice lunga su chi siano oggi le “femministe” e quale sia la loro “levatura” culturale, morale, umana!

Femministe” silenti dinanzi a centinaia di donne lavoratrici umbre terrorizzate e disperate per il loro futuro (vedi le operaie della Perugina o della Colussi), “femministe” che non aprono bocca di fronte alla tragedia di una ragazza di Macerata, Pamela, uccisa e squartata a Macerata senza pietà da belve, “femministe” mute dinanzi all’uso che ogni giorno si fa in tv e sui social del corpo della donna, trattata alla stregua di un oggetto, ma sempre pronte a fare brutte “carnevalate” in centro, a inscenare “scioperi” contro non si sa che, a rivendicare diritti con sterili slogan e, ovviamente, a oltraggiare tutti i cristiani con disgustose blasfemie…

La cosa più grave è che lo “spettacolo” di bassa lega di questi “4 gatti” è stato recitato quando la Cattedrale era aperta a visitatori e fedeli e quindi all’interno c’era gente che magari pregava, si confessava o semplicemente era in raccoglimento spirituale!

Qualcuno di queste “femministe” ha pensato, anche solo per un istante, a come poteva sentirsi quella gente nel sentire le loro oscene parole? Hanno pensato che nel Corso e in piazza passavano anche dei bambini? Questa è l’ennesima dimostrazione del loro concetto di “rispetto” dell’altro, verso sentimenti come la Fede, la prova del loro “stile” sempre riconoscibile…

Nessuno vuole contestare il diritto a manifestare di questi soggetti, ma qui si è superato abbondantemente il limite del rispetto reciproco e anche della legalità!

Ricordiamo infatti alle “signorine” che, come giustamente osservato dal Popolo della Famiglia, l’Art. 403 del Codice Penale  dice che «Chiunque pubblicamente offende una confessione religiosa, mediante vilipendio di chi la professa, è punito con la multa da euro 1000 a euro 5000».

Ci auguriamo che la Magistratura intervenga quanto prima e faccia gli opportuni approfondimenti del caso… Come donna, io mi dissocio da queste “sceneggiate” e non mi sento affatto rappresentata da queste “femministe” capaci solo di oltraggiare, insultare chi non la pensa come loro e pretendere rispetto senza darlo a loro volta!

Mi auguro anche la Curia di Perugia faccia sentire forte la sua voce sui media e con le Istituzioni contro queste provocazioni e prenda una posizione netta e decisa, a tutela dei luoghi sacri e dei fedeli… Dopo la parodia della Madonna al Perugia Pride del 2017 e dopo questo ennesimo sfregio alla fede cristiana, che nulla ha a che vedere con la festa dell’8 marzo, è ora di dire basta a queste attacchi continui e impuniti!!!

Carla Spagnoli

Presidente Movimento per Perugia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*