Ex Novelli, Galgano (CI): si lavori per evitare il fallimento

Aeroporto, Galgano (CI): quanto costeranno gli 8 mesi di inattività in attesa dei voli FlyVolare?
Adriana Galgano

Ex Novelli, Galgano (CI): si lavori per evitare il fallimento

Ex Novelli, a dicembre dello scorso anno avveniva la cessione dell’azienda che avrebbe dovuto portare al rilancio di uno dei principali gruppi del ‘made in Italy‘ e dell’economia umbra. A dieci mesi di distanza, ci ritroviamo di fronte allo spettro del fallimento per la ex Novelli. L’ennesima impresa ceduta a terzi, addirittura in questo caso al prezzo simbolico di un euro, che rischia di chiudere definitivamente i battenti. E’ evidente che c’è qualcosa che non va e che le vertenze umbre devono essere trattate diversamente”. A dirlo Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori, che annuncia: “Appresa la decisione del tribunale di Castrovillari di non accettare la richiesta di concordato preventivo presentata da Alimentitaliani, ho immediatamente depositato un’interrogazione al Mef e al Mise per sollecitare azioni più decise per salvaguardare la ex Novelli e il futuro dei 500 lavoratori che vi operano”.

Nei giorni scorsi, infatti, il tribunale di Castrovillari ha respinto la richiesta di concordato preventivo che Alimentitaliani srl, la società che ha acquistato la ex Novelli, aveva presentato. Una notizia che preoccupa gli operai dell’azienda umbra che, a dieci mesi di distanza dalla cessione forzata alla famiglia Greco, si trovano adesso a dover temere il fallimento. A fronte di tale situazione, i sindacati hanno chiesto un incontro urgente alla viceministra Teresa Bellanova cui è stata recapitata anche una lettera della Regione Umbria nella quale si sollecita il summit per un confronto sul futuro della ex Novelli.

Il gruppo ex Novelli, a dicembre 2016, è stato ceduto alla società Alimentitaliani, facente capo alla famiglia Greco, al prezzo simbolico di un euro in cambio dell’impegno al rilancio dell’azienda e alla conferma dei posti di lavoro. A distanza di pochi mesi dall’acquisizione, tuttavia, sono iniziati i problemi visto che la famiglia Greco ha presentato un piano industriale nel quale si prevedevano anche tagli al personale. Dopo una lunga trattativa, seguita dal Mise, i lavoratori hanno approvato il piano. Ora, però, il destino della ex Novelli potrebbe nuovamente essere messo a rischio.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*