Emergenza abitativa e centri storici vuoti. Tracchegiani (FI) interviene

Prezzi delle case in forte aumento nonostante la crisi. Centri storici con palazzi completamente ristrutturati e vuoti a causa di affitti che hanno subito un’impennata senza precedenti. Cause di morosità in risalita. “Il problema degli alloggi è serissimo per giovani, giovani coppie, famiglie anche composte da persone anziane che rischiano di rimanere senza un tetto – dichiara Aldo Tracchegiani, candidato alla regione Umbria per Forza Italia – Senza dimenticare il nodo legato agli abusive e agli immigrati.

L’incremento dei costi si traduce in palazzi, palazzine e centri storici, vedi Spoleto, Perugia e altre città umbre che si svuotano sempre di più. In questi contesti si registrano situazioni a rischio, con diverse famiglie ormai sul lastrico che non pagano più gli affitti.” Tracchegiani ha evidenziato la problematica in svariate occasioni.

“Ci troviamo – continua – a fronteggiare una crisi edilizia e abitativa nelle nostre belle città umbre, con diverse persone costrette ad abbandonare il loro caseggiato a causa dei prezzi ormai esagerati – sottolinea l’esponente di Forza Italia – E’ arrivata l’ora di cambiare passo con l’individuazione, nei rioni principali delle città, di nuove aree edificabili per la costruzione di alloggi a canone agevolato o l’assegnazione di quelle esistenti e disabitate con le stesse modalità. Occorre trovare delle risorse all’interno del bilancio.”

Solo così le nostre città dell’Umbria potranno tentare di recuperare nuovi residenti: “Si nota la totale assenza di una strategia abitativa, responsabilità anche del governo di centrosinistra che cede alloggi agli immigrati lasciando gli italiani letteralmente “per strada”, con un programma teso ad accogliere le giovani coppie e sostenere le famiglie in difficoltà. Abbiamo l’esigenza – conclude Tracchegiani – di proiettarci verso politiche in grado di favorire l’insediamento in città di nuovi nuclei familiari anche per favorire la riapertura di attività commerciali chiuse da anni. La fame di case aumenta vertiginosamente, e i prezzi sono del tutto proibitivi per tutti ma stranamente non per gli immigrati che, invece di seguire i regolari percorsi, le abitazioni le occupano o gli vengono cedute a prezzi stracciati.” Come possono i cittadini umbri rimanere indifferenti?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*