Elezioni regionali, il Psi asse portante della coalizione di Centrosinistra

da Rosaria Parrilla
PERUGIA – “Dare un nuovo impulso per rendere più competitiva la regione Umbria all’interno di uno scenario in continua evoluzione”. È questo l’auspicio dei socialisti umbri, pronti a giocare la propria partita all’insegna di un “riformismo spinto” in vista delle prossime elezioni regionali, che si terranno il 31 maggio, a sostegno della candidata del centrosinistra a presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini. “La legislatura della Regione Umbria che sta per avviarsi alla conclusione può vantare un bilancio positivo: ha garantito la coesione sociale, tagliando dove si poteva ma mantenendo i servizi primari per i cittadini, un esempio lampante è la sanità. Ha realizzato opere infrastrutturali importanti e tutelato l’ambiente”. A ribadirlo Aldo Potenza, segretario regionale del Psi (Partito socialista italiano), durante la presentazione della lista “Socialisti Riformisti Territori per l’Umbria”, che si è tenuta, venerdì 24 aprile, nella sala Falcone e Borsellino della Provincia di Perugia.

“Ora dobbiamo essere all’altezza della sfida – ha detto Potenza -: lotta alla povertà e alla criminalità, prestare particolare attenzione al lavoro, soprattutto quello giovanile, rilanciare l’economia, puntando sempre più le risorse comunitarie verso l’innovazione”. Il segretario del Psi umbro, Potenza, ha anche ricordato chi è stato l’asse portante della scorsa legislatura: “Chi ha garantito stabilità politica sono stati il Pd e il Psi. Ora nella prossima coalizione la nuova configurazione darà un nuovo impulso al centrosinistra”.

Nuovo impulso che sarà dato anche dal contributo della società civile. La lista dei socialisti, infatti, si connota per aver dato spazio anche ad esponenti che non sono iscritti al partito e per la presenza di 10 donne e 10 uomini. “Abbiamo lavorato su una lista che mantenesse la nostra storia – ha spiegato il capolista Silvano Rometti – e desse un senso di apertura con il contributo di professionalità importanti.

È una buona operazione che andrà a beneficio del centrosinistra e della candidata Marini”. L’obiettivo dei socialisti, inoltre, è dare rappresentanza ai territori dell’Umbria. Non a caso il simbolo scelto è quello già proposto nel 2010 con la rosa e il richiamo al Partito socialista europeo, la scritta Socialisti Riformisti che campeggia e in aggiunta il perimetro colorato di verde dell’Umbria così come la scritta Territori per l’Umbria. Seduti al tavolo dei relatori, oltre a Potenza e all’assessore regionale Silvano Rometti, nonché capolista, Cesare Carini, segretario del Psi di Perugia, Massimo Buconi consigliere regionale di nuovo in corsa, Giuseppe Chianella, sindaco di Avigliano Umbro, Monica Paparelli e Franco Raimondo Barbabella (Territori per l’Umbria) e Tania Fasciani consigliere comunale a Bevagna.

Ecco i nomi dei candidati (manca il nominativo del 20esimo):

1.    Silvano Rometti, Psi, assessore regionale

2.    Monica Paparelli, consigliere comunale Magione – Territori per l’Umbria, insegnante

3.    Massimo Buconi, Psi, consigliere regionale

4.    Franco Raimondo Barbabella, Territori per l’Umbria, ex preside

5.    Luigi Bastianini, indipendente, impiegato

6.    Marina Brinchi, indipendente, medico

7.    Giuseppe Chianella, Psi, sindaco di Avigliano Umbro

8.    Adriano Ciani, Psi, docente universitario

9.    Matteo Costantini, Psi, ingegnere

10. Antonella Donati, Psi, insegnante

11. Tania Fasciani, consigliere comunale Bevagna, impiegata

12. Silvia Luchetti, Psi – vicesindaco di Marsciano, sociologa

13.  Diletta Luisi, indipendente, ufficiale medico ginecologa

14. Ursula Masciarri, indipendente, avvocato

15. Silvana Moretti, Psi, libero professionista

16. Giulia Riveruzzi, indipendente, agente di commercio

17. Paolo Rossi, indipendente, medico chirurgo

18. Lucio Tiberi, indipendente, giornalista

19. Luana Zerenghi, vicesindaco di Poggiodomo, libero professionista

20. Nominativo da confermare

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*