Dopo sisma, Ricci, semplificare autocertificazione per velocizzare ricostruzione

tassa di scopo su 88 miliardi provenienti dai vari giochi e dai 16 milioni di giocatori

Vicenda Gesenu, Ricci, bene attendere esiti delle indagini

Dopo sisma, Ricci, semplificare autocertificazione per velocizzare ricostruzione “Semplificare; autocertificare il più possibile anche le procedure urbanistiche; unità minime di intervento piccole, per evitare complessità fra proprietari; puntare sulla ‘ricostruzione leggera’ e rapida dove possibile; autonoma sistemazione in hotel e case disponibili (per evitare le tende); moduli provvisori in legno e acciaio anche da posizionare vicino ad edifici isolati o aziende agricole (in tre mesi) e, visto che l’Umbria è già pronta, considerando le esperienze del 1997 e le piazzole di emergenza individuate, far partire subito gli interventi (rispetto al resto del centro Italia) nonché attivare un piano d’emergenza per la comunicazione e il rilancio di turismo e commercio a Norcia e in Umbria, con indennizzo per le perdite”.

È quanto propone il consigliere regionale Claudio Ricci (Ricci presidente) rispetto al post terremoto dello scorso 24 agosto che ha interessato il Centro Italia e l’Umbria. Ricci ribadisce dunque quanto già evidenziato ieri nel corso della riunione congiunta, tenuta a Norcia, della Prima e Seconda Commissione consiliari. Entrando poi nel merito delle risorse necessarie per le varie fasi della ricostruzione, l’esponente dell’opposizione propone di “applicare una piccola tassa di scopo sugli 88 miliardi provenienti dai vari giochi e dai 16 milioni di giocatori”. Per Ricci “è lì che bisogna agire per la ricostruzione, auspicando – conclude -, che l’Europa conceda la giusta flessibilità. In fondo un gioco in più vale la ricostruzione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*