Donatella Porzi (PD) a Collemancio: “Ripartire dallo spiraglio che si vede all’orizzonte”

“E’ una donna intelligente che ha dimostrato di avere una grande capacità nel governo locale, lo ha dimostrato quando ha fatto la sua esperienza in Provincia. E’ competente, seria, rigorosa che studia”. Ha detto così parlando di Donatella Porzi, l’onorevole Giampiero Bocci, sottosegretario al Ministero dell’Interno.

A Collemancio, di Cannara, durante la presentazione di Donatella Porzi, candidata al consiglio regionale dell’Umbria per il Partito democratico, l’onorevole Bocci ha evidenziato le qualità della candidata: “Se non ci sono tutte queste condizioni è difficile fare bene oggi l’amministratore di una Regione. Donatella ha tutte queste qualità ci sono tutti i presupposti. Rappresenta una certezza, chi l’ha conosciuta l’ha apprezza tantissimo”.

Competenza, conoscenza, ma anche una politica che è un servizio e come tutti i servizi hanno una durata nel tempo determinata. “E’ questo quello che occorre alla politica di oggi” – ha aggiunto il Rappresentante del Governo.

Cultura e legalità sono due valori imprescindibili e direi due pregiudiziali, se non c’è cultura, non c’è prospettiva, non c’è futuro. “Un amministratore senza cultura, è un amministratore povero che non può regalare nulla alla propria comunità. La legalità è una parola d’ordine, c’e sempre più bisogno di legalità, di trasparenza, di rigore. Legalità significa avere rispetto della pubblica amministrazione dei propri cittadini. Non c’è comunità senza legalità, credo che Donatella – ha concluso l’onorevole Bocci – metta insieme, sia un bel profilo culturale e lo ha dimostrato, sia una forte convinta spinta verso una comunità che fa della legalità una grande premessa”.

“La campagna elettorale comincia volutamente dal mio Paese Collemancio perché intendo rappresentare con questo piccolo borgo, tutta l’Umbria che si può, che si può raccontare, che si può portare a sistema, che può rappresentare la nostra regione in contesti più ampli”. Si è presentata così al suo popolo Donatella Porzi.

“Valorizzare questi piccoli borghi, averne contezza, avere la ragione di quello che rappresentano, di quello che sono, in termini di storia e di cultura, ma anche di umanità sia il valore aggiunto da cui partire per poter salvaguardare obiettivi sempre più importanti che escono dai consigli regionali e nazionali e che ci proiettano in Europa e anche altrove”. E’ questa l’ambizione della candidata “questa è la mia consapevolezza e certezza che ce la potremmo fare”.

Il progetto sulla legalità che ha caratterizzato il mandato amministrativo in provincia è un po’ il suo filo conduttore. Donatella Porzi è stata assessore alla cultura per 5 anni. “Legalità – ha detto – non significa solo conoscere certi aspetti della vita nazionale e internazionale, ma affezionarsi al proprio ambiente, custodirlo, diventarne non soltanto rappresentanti, ma volerne valorizzare tutti gli aspetti che lo contraddistinguono, partendo dal patrimonio archeologico, da quello artistico, paesaggistico di cui siamo ricchi, e che forse dovremmo cercare di portare a maggior sistema per realizzare sempre nuove opportunità anche di lavoro per la nostra realtà umbra”.

Due donne Catiuscia Marini e Donatella Porzi, due mondi, in fondo, diversi ma molto vicini. La candidata riferendosi alla Presidente uscente e candidata per il secondo mandato ha spiegato:”Stiamo lavorando per costruire un programma, sul solco della continuità per certi versi. Abbiamo attraversato momenti estremamente complessi e difficili e la nostra regione ha dimostrato – ha detto – di saper tenere per la regia che la presidente Marini ha saputo esprimere, ma anche per quel substrato fatto di piccole aziende, di tessuto economico, di piccole e medie imprese che forse ha bisogno di maggiori attenzioni nel futuro. Affinché chi ha saputo manifestare capacità di resistenza – ha concluso la candidata al consiglio regionale – possa ripartire intravedendo spiraglio che si vede all’orizzonte e che deve rappresentare una certezza per tutti noi”.

Alla presentazione che si è svolta nel centro storico di Collemancio di Cannara, oltre all’onorevole Giampiero Bocci, erano presenti il sindaco di Cannara Fabrizio Gareggia e tantissimi cittadini.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*