Unipegaso

Direttore Generale, gioco poltrone del PD crea una figura priva di responsabilità

UNA FIGURA ricca di potere politico: è uno spreco di risorse pubbliche

Direttore Generale, gioco poltrone del PD crea una figura priva di responsabilità

Direttore Generale, gioco poltrone del PD crea una figura priva di responsabilità

Svuotata di responsabilità, ma ricca di potere politico: ecco come definiamo noi la nuova carica di Direttore Generale della Regione, la cui istituzione è stata decisa oggi in Prima Commissione dal Partito Democratico con il voto contrario della Lega Nord e l’astensione “imbarazzata” del consigliere Solinas – è il commento dei consiglieri regionali Lega Nord Umbria, Emanuele Fiorini e Valerio Mancini –  Il tutto alla presenza dell’assessore Bartolini, che già il 10 di maggio scorso, sempre su questo tema, aveva dimostrato notevole “difficoltà” nell’illustrare tale proposta di legge.

Mentre in Umbria mancano posti di lavoro, il PD si sta dimostrando capace di creare solo poltrone autoreferenziali. Ormai tutti conoscono la vicenda riguardante l’eterna battaglia che va avanti da inizio legislatura, nell’ambito sanitario, tra la corrente mariniana e quella bocciana.

Come era facilmente prevedibile, il rientrante assessore Barberini è passato a riscuotere dazio alla Marini: cosa che ricadrà inesorabilmente sulla pelle dei cittadini. Al contrario di quanto vogliono farci credere, infatti, quello che ci interessa sottolineare è l’ennesimo spreco di risorse pubbliche che si andrà a perpetrare con l’istituzione di tale figura, utile soltanto ad appesantire la macchina amministrativa ed allungare i processi decisionali per cittadini ed imprese.

Sarebbe opportuno, tra l’altro, che tale ruolo venga occupato da chi non ha procedimenti amministrativi e giudiziari in corso.

Emanuele Fiorini e Valerio Mancini
Consiglieri regionali Lega Nord Umbria

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*