Destinazione Italia, è partito il treno di Matteo Renzi

Nessuna dichiarazione e una fretta da pendolare

Destinazione Italia, è partito il treno di Matteo Renzi

Destinazione Italia, è partito il treno di Matteo Renzi

Da Democratica.com
ROMA – Alle 9.55 esatte è partito dalla stazione Tiburtina di Roma il treno del Pd, la grande iniziativa che vedrà Matteo Renzi, dirigenti, parlamentari, sindaci dem attraversare il Paese per un fitto dialogo con l’Italia profonda, il famoso Paese reale, quello che non cattura l’attenzione di giornali e tv ma che costituisce la vera ricchezza dell’Italia.

Si inizia dal centro Italia, l’Alto Lazio e l’Umbria, e poi si andrà verso il Mezzogiorno, e quindi la “risalita” verso il Nord. Il convoglio dem è composto da 5 carrozze ed è attrezzato per incontri e per la stampa. Ogni tappa sarà abbastanza breve, 90 minuti: il tempo per ascoltare l’Italia vera.

Eccola l’idea del treno: il partito in viaggio, nelle esperienze dell’Italia che lavora, che studia e che dedica con generosità una parte del proprio tempo libero agli altri, quella che si proietta verso il domani con passione, coraggio e curiosità. Per otto settimane il Pd farà un percorso di ascolto e confronto attraverso le 107 province italiane: le toccherà tutte, passando non sempre e non solo nei capoluoghi, ovunque ci siano binari.

Il treno sarà sempre affollato: tanto per cominciare “il personale di bordo” sarà composto in gran parte da Millenials, una ventina di giovanissimi che saranno il cuore pulsante del treno. Ma l’intera comunità del Pd si muoverà per incontri nei luoghi di tutti i giorni, dalle scuole alle fabbriche, semplicemente immergendosi nella vita reale.

Nessuna dichiarazione e una fretta da pendolare. Così Matteo Renzi è arrivato per ultimo al binario 2 della stazione Tiburtina di Roma. Accolto dall’assedio delle tv e dei giornalisti il segretario del Pd si è smarcato ed è filato dritto salendo in carrozza poco prima che partisse il treno. Puntuale alle 10. Destinazione Italia, questo il nome del convoglio (5 carrozze) che lo porterà in giro per il Paese. Con lui sono saliti anche Ettore Rosato, Alessia Morani e il ministro Delrio e il governatore del Lazio Zingaretti. Il ministro Martina è invece salito per un saluto ma è sceso poco prima del fischio del capotreno. “Un viaggio per ascoltare gli italiani – ha detto Martina all’Adnkronos – ma anche per unire la sinistra. Tra le prime tappe i luoghi colpiti dal sisma che ha devastato il centro Italia”.

Le tappe della prima settimana

Martedì 17 ottobre: Farfa, Civita Castellana, Narni, Spoleto

Mercoledì 18 ottobre: Fano, Osimo, Recanati, Montegranaro, Arquata del Tronto

Giovedì 19 ottobre: Pescara, San Salvo, Termoli

Venerdì 20 ottobre: Foggia, Barletta, Polignano, San Vito dei Normanni, Lecce, Taranto

Sabato 21 ottobre: Matera, Bari

Tutti i numeri del treno

  • 5 carrozze
  • 150 metri di lunghezza
  • 100 posti a sedere
  • 107 le province italiane del tour
  • 8 settimane la durata del giro
  • 17 ottobre la partenza
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*