Democratiche in movimento, Pd per un Paese di donne e uomini

Democratiche in movimento. Idee, proposte e progetti per un Paese di donne e di uomini”, si svolgerà sabato mattina al Deco Hotel di Ponte San Giovanni

Elezioni, Partito democratico, a Bevagna non c'è nessun candidato

Democratiche in movimento, Pd per un Paese di donne e uomini

Si chiama “Democratiche in movimento. Idee, proposte e progetti per un Paese di donne e di uomini”, si svolgerà sabato mattina al Deco Hotel di Ponte San Giovanni e chiama a raccolta tutte le democratiche della Provincia di Perugia: è l’incontro zero del percorso di rinnovo della Conferenza delle Democratiche, già avviato a livello nazionale e che sta prendendo il via, in queste settimane, anche a livello territoriale. Il cammino delle donne Pd verso un organismo rinnovato e pronto ad affrontare nuove sfide, si apre con una campagna di discussione e di iniziative nelle città sui temi e le priorità che riguardano la vita delle donne  e il futuro dell’Italia, dal lavoro al welfare, ai diritti, alla democrazia.

“Abbiamo bisogno di aggiornare i nostri strumenti per essere al passo coi tempi che cambiano”, sottolinea la portavoce provinciale di Perugia Stefania Fiorucci, presentando l’evento in programma sabato mattina a partire dalle 10.

Quando abbiamo iniziato questa avventura era il 2011 e Berlusconi era al governo. Oggi il Pd guida il Paese con un Parlamento in cui la rappresentanza delle donne è salita al 40 per cento e dove il 50 per cento dei ministri è donna”. ”Discuteremo e decideremo insieme – dunque – come organizzarci e come continuare a declinare il ruolo della Conferenza nel Pd, partendo dai problemi delle comunità e del paese”

Siamo convinte che nelle istituzioni e nel partito – ancora Fiorucci – il punto di vista delle donne è essenziale nel processo di cambiamento che vogliamo realizzare”. Al centro del dibattito i temi al centro del dibattito pubblico e le priorità dell’agenda politica, a partire dal lavoro e dalle politiche di contrasto alla disoccupazione e dal welfare, ancora troppo debole di fronte a una crisi che morde famiglie e imprese. Si parlerà, ovviamente di diritti e di pari opportunità, di infanzia e di servizi pubblici locali, di conciliazione e di lotta agli stereotipi, di politiche contro la violenza sulle donne.

Democratiche

“L’ottica è quella di raccogliere al meglio – dice Fiorucci – la sfida del governo del Paese e del cambiamento”. “Il percorso che inizieremo sabato – conclude Fiorucci – ci interrogherà anche sulla questione del partito e della sua funzione, sul tema della partecipazione democratica alle scelte e la possibilità di costruire cultura politica, di offrire una traiettoria, un senso, un progetto,che possa tenere insieme la dimensione individuale e quella collettiva”. Tenendo fede “alla prospettiva di un’autonomia dei luoghi di discussione al femminile” e coinvolgendo “ovviamente anche gli uomini in questo cammino che non potrà che arricchire il Pd e la sua discussione di nuovi e sempre più plurali punti di vista”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*