Defr, Attilio Solinas, “Ho chiesto di inserire alcuni punti”

ATTILIO SOLINAS (Pd): “ATTUARE LA RIFORMA DELLA SANITÀ, MIGLIORARE L'APPROPRIATEZZA DELLE PRESCRIZIONI -

Defr, Attilio Solinas, "Ho chiesto di inserire alcuni punti"

Defr, Attilio Solinas, ho chiesto di inserire alcuni punti

ATTILIO SOLINAS (Pd): “ATTUARE LA RIFORMA DELLA SANITÀ, MIGLIORARE L’APPROPRIATEZZA DELLE PRESCRIZIONI – Ho chiesto di inserire alcuni punti nel documenti finale di recepimento del Defr. Selezionare in maniera oculata e precisa i beneficiari dei FINANZIAMENTI, troppo spesso in passato sono state assegnate risorse a pioggia senza una verifica precisa, tenendo spesso conto delle indicazioni di Confindutria o Confcommercio. Serve una verifica dell’efficacia, in termini di creazione di posti di lavoro e di reddito, dei finanziamenti versati. Troppo spesso le fondazioni bancarie utilizzano i fondi per le speculazioni finanziarie quando invece potrebbe essere utilizzati per l’occupazione e lo sviluppo.

Chiederemo ai nostri parlamentari di modificare la legge sulle FONDAZIONI BANCARIE per modificare la quota da dedicare allo sviluppo.

La riforma della SANITÀ, solo parzialmente attuata, ha determinato di fatto l’isolamento di alcune aree per quanto riguarda l’assistenza sanitaria. C’è una disomogeneità reale nell’assegnazione dei fondi per l’assistenza territoriale. L’innovazione si fa quando la politica di programmazione regionale impone alle direzioni regionali l’attuazione delle riforme previste nei piani sanitari. Importante facilitare l’accesso, non tanto per i pazienti pediatrici, ma per gli anziani e i disabili, al pronto soccorso. Necessario intervenire sul Cup regionale, che costringe spesso ad effettuare prestazioni a distanza dal ruolo di residenza, un problema per gli anziani che si muovono con difficoltà. Va rivisto il sistema delle liste di attesa, determinate non tanto dall’insufficienza delle prestazioni (anche se le strumentazioni devono poter lavorare a tempo pieno) quanto sulla domanda di diagnostica e sulla reale appropriatezza delle prescrizioni. Il sistema Rao (raggrumanento di attesa omogeneo) è un sistema scientificamente provato per razionalizzare le liste di attesa: un caso in cui si sospetta una patologia grave deve attendere meno di un semplice controllo. Il Rao è stato introdotto ma deve essere verificato e messo a punto.

Il NODO DI PERUGIA diventerà una questione prioritaria nei prossimi mesi, con l’apertura delle nuove direttrici che porteranno altro traffico intorno al capoluogo. La Fcu è una risorsa importante che andrebbe valorizzata e sostenuta, anche come vettore turistico”.

Defr

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*