Deficit Umbria, M5S chiede chiarimenti

Comitato monitoraggio esamina dati ticket sanità

Deficit Umbria, M5S chiede chiarimenti. “Il vero dato sull’indebitamento complessivo e la conseguente capacità di spesa della Regione Umbria ce lo fornisce la Corte dei conti nella relazione al giudizio di parifica del rendiconto generale per l’esercizio finanziario: tra il 2013 e il 2014 i debiti per mutui e prestiti sono passati da 457milioni 866mila euro a 539milioni 980mila euro, con un aumento quindi dell’indebitamento di oltre 82milioni, pari al 17,93 percento. Che sale al 19,78 percento se si considerano anche i trasferimenti legati al pagamento dei debiti della pubblica amministrazione”.

Lo affermano i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari, chiedendo alla presidente della Giunta, Catiuscia Marini, di “venire in Aula a sciogliere i nodi delle contraddizioni e delle gravi leggerezze in tema di bilancio che stiamo evidenziando sin dall’inizio di questa legislatura.

Grazie al M5S – annunciano – anche in Umbria il tempo dei giochi di prestigio è finito”. Liberati e Carbonari spiegano che pochi giorni fa la Corte costituzionale, su ricorso della Corte dei conti, ha fatto luce “sull’enorme alterazione di bilancio realizzata dal Piemonte, in palese violazione del decreto-legge ‘n.35/2013’.

I maghi contabili di quella Regione infatti hanno preso a prestito dallo Stato 2,5 miliardi di euro utilizzandoli non per ripagare i debiti che avevano verso tante imprese già strozzate dalla crisi (e che spesso falliscono proprio a causa delle Pubbliche amministrazioni che non pagano) ma per aumentare la spesa e far apparire più basso il deficit, violando così quanto stabilito dal decreto”.

I consiglieri regionali avanzano il dubbio, “visto anche il bassissimo livello di trasparenza dei rendiconti”, che anche la Regione Umbria “abbia ceduto a questa tentazione, nonostante in occasione dell’ultima seduta della Prima Commissione, l’assessore Barberini e il direttore regionale delle Risorse finanziarie Antonelli hanno spiegato che i 30 milioni assegnati all’Umbria per eliminare i debiti della Pa sono stati utilizzati nel rispetto della legge, non andando a finanziare la spesa corrente”.

Per gli esponenti di opposizione gli articoli apparsi sul Corriere della sera (http://goo.gl/IZAi2x) e sulle testate umbre sembrerebbero “creare confusione sul fatto che la Regione Umbria abbia il secondo deficit più basso d’Italia. In realtà non è così: semplicemente l’Umbria ha preso in prestito dallo Stato meno denaro delle altre Regioni.

Ma questo non certifica che non lo abbia utilizzato in violazione di legge. A dichiarare che così non è stato – concludono – ci sono per ora soltanto le affermazioni della Giunta e la mancanza di un esplicito rilievo da parte degli organi di controllo. Per la verità un po’ poco in un contesto di diffusa opacità dei dati forniti dall’amministrazione umbra”.

Deficit Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*