Crisi Regione, Nevi: «Non c’è più tempo»

Nevi: «Momento storico, nel quale va apprezzata la coerenza dell’ex assessore Barberini»

Elezioni, Nevi (FI): «Centrodestra molto tonico»
raffaele-nevi

Crisi Regione, Nevi: « Non c’è più tempo»

Dopo Claudio Ricci ha preso la parola Raffaele Nevi (FI) il quale ha detto che si è in presenza di un «momento storico, nel quale va apprezzata la coerenza dell’ex assessore Barberini».

Quello di oggi è un passaggio storico. Come Ricci, anch’io voglio sottolineare la coerenza di Luca Barberini, perché non è facile dimettersi di questi tempi, soprattutto da un super assessorato come quello della sanità e del sociale che rappresenta più del 70 per cento del bilancio regionale. Però devo apprezzare anche la coerenza della presidente Catiuscia Marini, che oggi, con il suo intervento, ha tirato dritta sulle sue scelte.

Oggi, la discussione non riguarda ‘Orlandi sì, Orlandi no’, ma affonda le radici al 1992/93 quando, finita la Prima Repubblica si è ricreata un’altra cosa e in Umbria, in modo particolare, è stato sperimentato il cosiddetto ‘centro-sinistra’, che per noi è sempre stato ‘sinistra-centro’, dove i pezzettini della Democrazia cristiana rappresentavano il contorno di un quadro nel quale spiccava il ceppo del vecchio Partito Comunista. E qui, hanno sempre comandato gli esponenti del vecchio Pci. Tuttavia, con le ultime elezioni regionali, una certa parte del centrosinistra ha preso un po’ di forza, risentendo forse del clima nazionale.

Una situazione da noi auspicata nel tempo, quella cioè di fare in modo che questa Regione avesse un governo più avanzato, più aperto, più libero da incrostazioni del passato. La presidente Marini ha tentato di discostarsi da questa tradizione, ma non ci è riuscita. Nel documento firmato dal segretario del Pd Leonelli, ho trovato scritto le stesse intenzioni del 2010, di ogni anno fino al 2014 e poi anche nel programma della Presidente Marini. A partire dalle liste di attesa. Insieme a ciò ci sono gli altri problemi di sempre: la riorganizzazione della medicina territoriale, il tema della ridefinizione dei ruoli dei vari presidi ospedalieri, il Cras.

Dovreste ascoltare Renzi, per il quale le politiche nuove si possono fare con persone nuove. C’è bisogno di rottura con il passato. Non voglio discutere sulle competenze di chi è stato scelto, ma su un oliato sistema che mette sempre quelle persone in quei posti, perché? Perché assicurano un collegamento diretto? Con chi? Siccome parliamo di una maggioranza debole, la debolezza vi porta a occupare ancora più spazi in un modo violento e con persone fidate, ed il tema non riguarda soltanto la sanità. Rispetto a ciò, Barberini ha dimostrato di voler contare, e di non aver bisogno di alcun cane da guardia. Oggi, con la riconferma della fiducia alla presidente Marini inizierà una guerra fredda che porterà nuovi problemi per i cittadini umbri.

Ma io dico: cara Presidente se lei è convinta che può andare avanti senza problemi, faccia come oggi, coerentemente vada avanti, non si pieghi né ai diktat, né ai ricatti e si assuma ogni responsabilità, ma se invece pensa, come me, che questa situazione ci porta a una balcanizzazione totale di problemi amministrativi, ne tragga le conseguenze e si dimetta. Sono convinto che quello che abbiamo visto in questi venti giorni forse è solo l’antipasto di quello che potrebbe succedere nei prossimi mesi o anni. Non si può continuare con la politica del rinvio, cercando di tenere unita una sconquassata maggioranza. Non c’è più tempo da perdere perché bisogna rispondere, in modo diverso, ai bisogni della popolazione e mettere in campo azioni concrete. E per questo serve un governo fortissimo, diverso da come appare quello di oggi”.

Il dibattito in consiglio regionale sulle comunicazioni della presidente della giunta, Catiuscia Marini, sulla crisi dell’esecutivo si è interrotto alle 14, dopo gli interventi di Claudio Ricci e Raffaele Nevi.

Prima della pausa (i lavori riprenderanno alle 15), Eros Brega ha chiesto che il dibattito riguardi tutte e cinque le mozioni presentate
dai vari gruppi.

Crisi Regione

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*