Cosa deve fare Il Partito Democratico per essere la casa di tutti, per essere utile all’Umbria e per vincere le elezioni regionali di maggio?

Lorena Pesaresi, le discriminazioni non hanno mai fine
lorena-pesaresi

di Lorena Pesaresi
In questi giorni assistiamo a un rimescolamento delle carte sul tavolo dei partiti. Tosi, dopo un braccio di ferro con Salvini per le regionali in Veneto, viene cacciato dalla Lega, non senza contraccolpi interni. Bersani ricorda a Renzi che il PD è la casa di tutti e che non deve rispondere sempre “tiriamo dritto”, sottolineando i continui mal di pancia fra le varie anime del partito.

Il Movimento 5 Stelle, ancora fresco di transumanze interne di parlamentari, apre e chiude (e riapre) al dibattito con il PD sulla RAI e sul reddito di cittadinanza.
Il centrodestra frantumato e in tumulto vede il Nuovo centrodestra continuare a sostenere Renzi (e lo fa per il bene dell’Italia, naturalmente) pronti a minacciare sfracelli alla prima occasione.
Berlusconi, dopo la sentenza festeggia con i suoi forzisti (nel senso che stanno insieme per forza) e sorride rassicurante a un partito dilaniato dove tutti vogliono dimostrare fedeltà, ma continuano a pugnalarsi dietro a ogni angolo. Intanto nuovi possibili partiti vengono tenuti al caldo nell’incubatrice.

Guardo tutto questo e faccio una semplice considerazione: attenzione che oggi il terreno è estremamente scivoloso e può accadere di tutto. Le nostre elezioni regionali si avvicinano, il Berlusconi ritrovato sarà in grado, probabilmente, di ricompattare il fronte di Forza Italia e renderlo più agguerrito. Noi dobbiamo lavorare con decisione e intelligenza.

Abbiamo perso incredibilmente il Comune di Perugia per scelte elettorali portate avanti con troppa faciloneria e guardando più alle correnti interne che alla fiducia e al corpo dell’elettorato. L’utilizzo dei sondaggi dimostra che è possibile adoperare più strumenti di analisi, ma senza un rapporto diretto, costante e umile con il proprio popolo, senza la conoscenza diretta e quotidiana dei suoi desideri, delle sue opinioni e dei suoi umori si perde facilmente la strada.

Le elezioni regionali sono alle porte e noi dobbiamo fare il nostro lavoro: abbandonare i bilancini e le provette delle alchimie interne ed essere la casa del nostro elettorato, dobbiamo saper essere utili all’Umbria tutta, esprimere le voci delle associazioni, delle donne e degli uomini, degli studenti, dei lavoratori, dei disoccupati, dei pensionati, dei cittadini tutti.

Dobbiamo ascoltare il nostro ‘essere cittadini’ e non solo politici, anzi dobbiamo essere ‘cittadini politici’. Dobbiamo saper curare l’interesse collettivo mettendo a frutto quello che abbiamo dentro: l’intelligenza, l’esperienza e la passione. Quello che è stato impostato a livello regionale dalla giunta uscente deve essere messo a frutto e corretto dove c’è bisogno sulla base delle nuove realtà, ma occorre che ci sia compattezza, trasparenza politica, assunzione di responsabilità del gruppo dirigente a livello locale e regionale.
E possibilmente un miglioramento della qualità della politica.
Che ne pensate??

Un saluto cordiale a tutti.

Lorena Pesaresi

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Ottime considerazioni, peccato che non le ascolterà nessuno; prevarranno le lotte fra correnti, la corsa per accaparrarsi una poltrona e bugie sui programmi. Per quanto mi riguarda se non verrà accantonata l’idea della E45 autostrada non voterò nessun partito che sostiene la Marini tantomeno ilPD.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*