Comune di Perugia “Libera” l’ostello di Ponte Felcino

Tassi e Felicioni (Lega Nord Perugia): “Scelta da noi condivisa e fortemente voluta. Ora puntare sull’accoglienza diffusa”

Comune di Perugia “Libera” l’ostello di Ponte Felcino

Comune di Perugia “Libera” l’ostello di Ponte Felcino

Soddisfazione da parte della Lega Nord di Perugia per la decisione del Comune di intervenire in merito alla delicata questione di Ponte Felcino e di fatto, sgomberare l’ostello della gioventù dalla presenza dei profughi. Una decisione condivisa e fortemente voluta anche dalla Lega Nord che già nel mese di marzo aveva incontrato i cittadini del quartiere. Ora è necessario trovare nuove alternative per la gestione dell’accoglienza sul territorio.

“La Lega Nord ha scelto di essere presente nel quartiere di Ponte Felcino per portare avanti la richiesta, legittima, dei cittadini del quartiere, di non vedere una struttura come l’ostello utilizzata come accoglienza dei profughi, considerando, per altro, che quella è l’unica struttura turistica della frazione. Ancora una volta sosteniamo che la miglior forma di accoglienza sia quella diffusa, ovvero dividere i grandi numeri di richiedenti asilo per zone diverse della città, non permettendo che si formino centri come quello di Ponte Felcino, dove mantenere l’ordine e combattere il degrado è più difficile, per non parlare della percezione della sicurezza dei cittadini”.

Alessandro Tassi, Commissario cittadino Lega Nord Perugia

“Come emerso dall’assemblea di marzo a Ponte Felcino e preannunciato ai cittadini, l’Amministrazione si stava impegnando per trovare soluzioni alternative all’ostello. In linea con la posizione della Giunta comunale, vigileremo ancora di più affinchè non si verifichino più situazioni di accoglienza concentrata in un’unica struttura del perugino”

Michelangelo Felicioni, capogruppo Lega Nord Perugia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*