Cofani/Prc Magione: “Non condividiamo il programma per il recupero dell’ex fabbrica Rondini”

0-Area_ex-Rondini_stato_attuale(umbriajournal.com) MAGIONE – Il Circolo di Rifondazione Comunista di Magione “Dino Frisullo” non condivide il programma urbanistico per il recupero dell’ex fabbrica Rondini. Tutti siamo consapevoli dell’importanza di recuperare un’area, nel pieno centro del paese, ormai in completo abbandono e degrado, ma la metodologia utilizzata è la solita vecchia ricetta che prevede ancora cubature di cemento su un territorio già fortemente provato. Solo una piccolissima parte dell’edificio verrà destinata alla pubblica utilità, i primi due piani saranno infatti destinati a garage, negozi e attività commerciali che diventeranno di proprietà della ditta costruttrice, quando invece a Magione c’è un forte bisogno di spazi e luoghi di aggregazione e socializzazione. La ditta costruttrice che eseguirà i lavori oltre ai due piani seminterrati avrà “diritti edificatori corrispondenti alle dimensioni dei due piani seminterrati dell’ex fabbrica Rondini e di quelli derivanti dall’altro immobile recuperato da utilizzare in aree esterne al centro”, ovvero ancora altre cubature di cemento magari destinate per continuare a costruire abitazioni, non curanti del fatto che il mercato è saturo. n Umbria vi sono ben 42.000 vani sfitti o invenduti e Magione non fa sicuramente eccezione visto l’alto numero di appartamenti vuoti.

Non condividiamo nemmeno la demolizione dell’edificio in quanto patrimonio storico e architettonico: la fabbrica risale agli anni ’20 ed è un simbolo della Magione operaia. Tutto questo senza la benché minima partecipazione della cittadinanza nella presa delle decisioni, purtroppo consuetudine per questa Amministrazione, nonostante che il coinvolgimento della cittadinanza nelle scelte politiche fosse uno dei punti principali del programma elettorale. Il Circolo PRC “Dino Frisullo” invita l’amministrazione a ritornare sui propri passi e mettere in atto un progetto per la ristrutturazione dell’edificio attraverso la ricerca di fondi pubblici e comunitari e che venga destinata tutta la metratura a totale uso pubblico. Facciamo inoltre appello a tutte le componenti della comunità di Magione a mobilitarsi affinchè queste pratiche pre-elettoralistiche non abbiano a compiersi nel silenzio più totale.
Massimiliano Cofani, Segretario Circolo Prc “Dino Frisullo” Magione

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*