Ciprini M5s: “Gli stipendi non cambiano la vita se la metà dei soldi viene restituita”

Referendum, M5s Corciano, sindaco e assessori andranno a votare?

Ciprini M5s: “Gli stipendi non cambiano la vita se la metà dei soldi viene restituita”

Sulle pagine del quotidiano “La Nazione” di ieri, capeggiava un articolo dal titolo eloquente “Parlamentari, ecco come la politica cambia la vita”, in cui venivano indicati i nuovi paperoni umbri con i corrispondenti stipendi politici.

Tra gli elencati comparivano ovviamente anche i portavoce umbri del M5S, come Tiziana Ciprini, chiamata in causa dal giornalista autore dello “scoop” secondo il quale la carriera politica le avrebbe svoltato l’esistenza, scordandosi però di sottolineare che ogni mese lei e tutti i pentastellati restituiscono la metà dello stipendio a favore del microcredito: unico esempio di sostegno alle attività dei piccoli-medi imprenditori italiani. Una svista o semplicemente disinformazione da parte del redattore che fa di tutta l’erba un fascio?

L’onorevole Tiziana Ciprini chiarisce ogni dubbio: “I rappresentanti M5S non accumulano ricchezze personali con l’entrata in parlamento. Come da codice di comportamento, il mio onorario è di circa 3200 euro mensili. Un ottimo compenso, che comunque è inferiore ai circa 5mila euro netti al mese che intasca un parlamentare tradizionale. Ogni mese rinuncio a circa 1800 euro che verso nel fondo per il microcredito, assieme alle eccedenze dei rimborsi non spesi: fino a settembre 2015 ho restituito circa 110 mila euro.

Una bella differenza di reddito rispetto ad un classico parlamentare e riguardo a quanto riportato sulla carta stampata, che non corrisponde certamente alla realtà. Il M5S – conclude Ciprini – ti cambia la vita, nel senso che ti impegni a fare politica per servizio civile avendo come obiettivo il bene comune.

Nel Movimento non si trattano affari pubblici per tornaconto personale e ciò è la dimostrazione che si può fare politica con sobrietà e con molti meno soldi. Provate a farlo fare a un onorevole della casta e vediamo se ogni mese rinuncerebbe anche solo a una parte dello stipendio!”.

Ciprini M5s

1 Commento su Ciprini M5s: “Gli stipendi non cambiano la vita se la metà dei soldi viene restituita”

  1. E’ la solita storia.
    Anche Di Battista va’in TV a dire che guadagna 3.000 € al mese.
    In realtà sono 3.200 nette per la Ciprini.
    Ci sono poi i rimborsi per spese “da rendicontare” che nel caso in questione nel solo mese di dic.2015 sono oltre 7.000 €.
    I rimborsi spese sono finanziamento pubblico al partito/i per fare attività politica.
    Dalla dichiarazione dei redditi,relativa all’anno 2015,si evince che rimangono in tasca alla Ciprini 12 mensilità da 5.200 € circa.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*