Ciprini M5s, Caso Francesconi: “Ministro verifichi sicurezza sul lavoro”

L'intricata vicenda ha portato Tiziana Ciprini e altri portavoce del M5S a presentare un'interrogazione parlamentare al Ministero dell'Interno

Ciprini M5s, Caso Francesconi: "Ministro verifichi sicurezza sul lavoro"
Ciprini

Ciprini M5s, Caso Francesconi: “Ministro verifichi sicurezza sul lavoro”

Sono passati più di tre anni da quel 30 dicembre 2012 quando Moreno Francesconi, che stava prestando servizio di vigilanza all’interno del Centro Multimediale di Terni, venne trovato morto. A seguito di ciò, la divisione amministrativa della questura di Terni aveva avviato nel luglio 2013 un’indagine sul caso che avrebbeportato alla denuncia dei titolari della società Athena scrl, per la quale l’uomo lavorava, per presunte violazioni relative al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

L’intricata vicenda ha portato Tiziana Ciprini e altri portavoce del M5S a presentare un’interrogazione parlamentare al Ministero dell’Interno per chiedere spiegazioni su quanto accaduto (http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4/10922&ramo=CAMERA&leg=17).

“A distanza di tempo – afferma la parlamentare Ciprini – chiediamo nuovamente al Ministero dell’Interno di verificare il rispetto della normativa prevista dal testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, per accertare tutti gli aspetti di questa triste vicenda e fare chiarezza sui requisiti della ditta Athena scrl.

All’epoca dei fatti, quest’ultima risultava priva della licenza e del decreto prefettizio per esercitare l’attività di vigilanza e vorremmo capire per quale motivo Moreno Francesconi, anche egli senza permesso, si trovasse nei locali del Centro Multimediale.

In seguito a questo spiacevole episodio, riteniamo doveroso che vengano appurate l’attuazione e il rispetto delle normative vigenti su tutto il territorio nazionale da parte degli organismi preposti”.

Ciprini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*