Centrodestra Perugia cancella figura consigliere straniero aggiunto, Pd protesta VIDEO

rappresentava senza dubbio per la città di Perugia un passo in avanti in materia di integrazione

Perugia, sindaco fantasma e maggioranza latitante, il Consiglio dura 10 minuti

Centrodestra Perugia cancella figura consigliere straniero aggiunto, Pd protesta PERUGIA – Durante la seduta odierna del Consiglio comunale, la maggioranza di centrodestra ha abrogato l’articolo 24 dello Statuto del Comune di Perugia che prevedeva la figura del consigliere straniero aggiunto, sopprimendola così in modo definitivo, come proposto da un ordine del giorno presentato dalla Lega Nord. La figura del consigliere straniero aggiunto tra gli scranni del Consiglio comunale, seppur forse da ripensare per le criticità emerse, rappresentava senza dubbio per la città di Perugia un passo in avanti in materia di integrazione e rispondeva con sensibilità al crescente bisogno di riconoscimento, all’interno del tessuto civile, di nuove esigenze e di nuovi portatori di diritti.

Una cancellazione che risponde solo a logiche partitiche e che risulta particolarmente inopportuna se inquadrata in un contesto di tensioni internazionali, che oggi più che mai ci obbligano a trattare temi così delicati con la massima serietà, soprattutto da parte di chi ha responsabilità di governo. “Un’azione del tutto strumentale” – affermano i consiglieri Sarah Bistocchi e Tommaso Bori – “che tradisce una sensibilità politica completamente distante dal sentire comune dei perugini e dall’atteggiamento di apertura, di dialogo e di confronto che la città ha sempre dimostrato e alla quale il Sindaco Romizi ha assistito inerme e silenzioso, avallando di fatto la richiesta di una forza politica necessaria alla maggioranza, tanto da dettare scelte amministrative così determinanti per l’azione di governo”.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*