Catiuscia Marini (Pd): “Riforma Province, Regioni, modalità per personale amministrativo”

“Nella riforma in atto delle Province vorremmo avere una modalità che permetta alle Regioni di mettere a disposizione personale amministrativo, che può provenire dalle stesse Province e dalle ex Comunità montane, alla funzione della giustizia, perché nella riorganizzazione del Paese dobbiamo anche salvaguardarne un modello di funzionamento ed efficienza. Mi riferisco alla corte d’Appello dell’Umbria, che questo sia adeguato anche alle caratteristiche e alle dimensioni unitarie della nostra regione. Affrontiamo il tema giustizia perché ci sono degli aspetti connessi alle sedi, alla digitalizzazione, al personale e ad altri aspetti come il reinserimento dei detenuti e la sanità penitenziaria sui quali la collaborazione tra Governo nazionale e Regioni è centrale per dare risposte di qualità”. Catiuscia Marini, presidente della Regione Umbria e candidata del centrosinistra ad un secondo mandato, è intervenuta al dibattito pubblico “Giustizia e riforme per una regione più competitiva”, al palazzo della Provincia di Perugia, al quale hanno partecipato il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ed il capolista del Pd per le Regionali 2015 e segretario regionale del partito, Giacomo Leonelli. “Ci occupiamo nella campagna elettorale anche di giustizia – ha detto Catiuscia Marini – perché riteniamo che questa non sia un soltanto un pezzo centrale del sistema Paese, ma sia anche connessa al modello di regione che vogliamo costruire nei prossimi anni e di cui vogliamo farci carico politicamente. E quindi il mantenimento e l’organizzazione dei servizi della Giustizia in Umbria sono un pezzo della qualità dell’Umbria e del modello di regione che abbiamo in mente per i cittadini e per le imprese. Ci sono dei punti importanti che dobbiamo affrontare col ministro: la giustizia civile ed il relativo funzionamento sul territorio, la dotazione del personale amministrativo e delle cancellerie che permetta ai tribunali di questa regione e all’insieme dell’amministrazione della giustizia di poter funzionale nelle modalità e nelle forme più adeguate, anche per poter rispondere alle esigenze di cittadini e imprese”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*