Catiuscia Marini riferirà in Consiglio su vicenda politica dopo nomine sanità

Ambienti "piddini" dicono che il rientro di Luca Barberini in Giunta è cosa sicura

Economia e Finanza, Marini ha presentato il Defr
Catiuscia Marini

Catiuscia Marini riferirà in Consiglio su vicenda politica dopo nomine sanità

La prossima settimana la Governatrice dell’Umbria, Catiuscia Marini – probabilmente mercoledì – riferirà in consiglio sulla vicenda politica che si è venuta a creare a seguito delle nomine in sanità, cui sono seguite le dimissioni di Luca Barberini. Il fatto che la presidente solleciterà una seduta, per riferire delle questioni politiche che hanno animato la vita dei Palazzi nelle ultime settimane, lo diamo per certo.

E’ stata lei stessa a confermarcelo telefonicamente. Negli ambienti politici “piddini” perugini, invece – anche a seguito dell’articolo rimasto in apertura su Umbriajournal fino a pochi minuti fa -, va facendosi sempre più strada l’ipotesi del rientro di Luca Barberini in Giunta. Niente Carla Casciari assessore, quindi, frutto, secondo alcuni, di fantasie giornalistiche cui si è, dicono, dato troppo seguito. La linea, quindi, sarebbe quella di ricompattare l’Esecutivo e rimettere il commercialista di Foligno nel ruolo che aveva prima, alla guida cioè della sanità e delle politiche sociali.

Altra voce che circola con forza sarebbe l’alto “gradimento“, presso il popolo degli operatori della sanità regionale, degli apicali scelti dalla Governatrice. Direttori e squadre sarebbero particolarmente piaciuti quindi? Parrebbe di sì. Le 11 mila 500 persone impiegate nel settore della sanità in Umbria, nei diversi incarichi e ruoli, sembra che in maggioranza abbiano gradito le figure che sono sate nominate.

In piazza della Repubblica c’è chi, addirittura, ci ha detto: “Se si facesse un referendum, uscirebbero della maggioranze piuttosto ‘bulgare‘”. Sulla tenuta della Giunta Marini, a questo punto, si potrebbe scommettere? Beh, parrebbe di sì.

Ritornerebbe sul tavolo quindi l’aria di distensione che si era respirata nell’ultimo incontro ufficiale cui, lo ricordiamo, oltre alla Presidente, avevano preso parte il segretario del Partito democratico dell’Umbria, Giacomo Leonelli, il capogruppo Pd a palazzo Cesaroni, Gianfranco Chiacchieroni e Luca Barberini. In quell’occasione, la linea del rientro del bocciano sembrava essere stata ipotizzata. Senza ipoteche, certo, ma quanto meno il tracciato era stato individuato. Catiuscia Marini riferirà in Consiglio Nelle ultime ore, a seguito di un articolo del Corriere dell’Umbria, si era diffusa forte la voce di un ingresso di Carla Casciari e persino di Marco Guasticchi.

La prima non l’abbiamo raggiunta, nonostante i tentativi, l’ex presidente della Provincia, invece, era stato lapidario: “Io resto dove sono”. Con Bocci, quindi, anche se – sempre in casa Pd – avevano e dicono ancora l’esatto contrario. Ah, Luca Barberini non è affatto infuriato o dedito a “scapocciamenti” vari. Appare sereno e tranquillo! Certo è che, lo ribadiamo, occorre fare presto e fare bene, a questo punto non resta che attendere quanto dirà la Presidente in occasione del Consiglio Regionale che, certo, Donatella Porzi convocherà quanto prima, non appena ricevuta la sollecitazione dal vertice di Palazzo Donini.

Catiuscia Marini riferirà in Consiglio

Nelle ultime ore, a seguito di un articolo del Corriere dell’Umbria, si era diffusa forte la voce di un ingresso di Carla Casciari e persino di Marco Guasticchi. La prima non l’abbiamo raggiunta, nonostante i tentativi, l’ex presidente della Provincia, invece, era stato lapidario: “Io resto dove sono”. Con Bocci, quindi, anche se – sempre in casa Pd – avevano e dicono ancora l’esatto contrario.

Ah, Luca Barberini non è affatto infuriato o dedito a “scapocciamenti” vari. Appare sereno e tranquillo!

Certo è che, lo ribadiamo, occorre fare presto e fare bene, a questo punto non resta che attendere quanto dirà la Presidente in occasione del Consiglio Regionale che, certo, Donatella Porzi convocherà quanto prima, non appena ricevuta la sollecitazione dal vertice di Palazzo Donini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*