Caso Marini-Legacoop, Liberati M5s: “Ecco le carte della supercazzola”

Tanto sapere enciclopedico è stato poi corredato di una chilometrica bibliografia....

Casette di legno e sisma, botta e risposta tra Marini e Liberati
andrea-liberati

Caso Marini-Legacoop, Liberati M5s: “Ecco le carte della supercazzola”

da Andrea Liberati (M5S Regione Umbria) – E l’ennesima porcata arrivò: istituzionale certo, ma sempre di autoritaria porcata si tratta. Tutto è accaduto alla fine di venerdì 4 dicembre, via PEC, tre giorni dopo la seduta di Consiglio e con ‘appena’ dieci giorni di ritardo rispetto alla presentazione formale dell’interrogazione M5S sul caso Marini-Legacoop. Interrogazione cancellata d’ufficio dall’ordine del giorno, in attesa di un vagheggiato parere ‘legale’.

E’ arrivato: quello della Regione rappresenta per noi un parere ad usum Delphini, sei pagine pressoché equivalenti alla famigerata prematurata. Tanto sapere enciclopedico è stato poi corredato di una chilometrica bibliografia: anche con simili artifizi la Regione Umbria comprime i diritti politici del Movimento 5 Stelle e quindi di tutti noi cittadini.

Assicuriamo tuttavia che simili trovate da azzeccagarbugli – i politici, s’intende – avranno vita molto breve. Risponderemo per le rime e a stretto giro: siamo pronti a un raffinato ricorso al TAR, fino al Consiglio di Stato. Difenderemo concretamente le nostre prerogative.

Infatti consentire – anche per una sola volta – all’autocrate di turno di evitare certe domande scomode, significa consentirglielo sempre, spianando la strada a ulteriori limitazioni delle minoranze tanto in Regione quanto presso gli altri Comuni di questo sfinito regimetto umbro, visto pure che sui territori il Movimento 5 Stelle è sempre più forte, grazie a decine e decine di portavoce eletti.

Solitamente i segni della fine di una stagione vengono preceduti da un ricco contorno di episodi tragicomici e di comportamenti inconcepibili: si pensi ai cappotti indossati dai consiglieri ore prima della conclusione delle sedute; ai Consigli tanto diluiti nel tempo fino quasi a scomparire dai radar; a quei consiglieri sempre attaccati ai cellulari sia in Consiglio che in Commissione, quando bisognerebbe seguire con attenzione i temi all’odg; all’incaponirsi in tutti i modi a difesa di verità imbarazzanti; etc.

E allora, in attesa di una (improbabile) conversione dei cuori, il M5S risponderà colpo su colpo, continuando con serietà nel proprio diuturno impegno a beneficio delle comunità.

Legacoop

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*