Casciari: “Abbiamo mantenuto intatte le risorse per le politiche sociali”

“Circa 9 milioni di euro in meno per le spese del personale, una riduzione del 76 per cento delle risorse destinate alla gestione dell’autoparco, che da 666 mila euro sono passate a 160, con una riduzione delle auto da 115 a 23. E non solo. La Regione Umbria è tra le regioni di riferimento per l’applicazione dei costi e fabbisogni standard nel settore sanitario e, malgrado la crisi e la riduzione di finanziamenti da parte del governo centrale, sono state mantenute ferme le risorse per il welfare”. Per dimostrare la validità del lavoro svolto dall’amministrazione regionale in questi cinque anni di mandato la vicepresidente della Giunta regionale uscente e candidata al Consiglio Regionale dell’Umbria per il Partito Democratico, Carla Casciari, non usa frasi fate e parole, ma porta i fatti.  Nel corso dell’incontro pubblico con i cittadini che si è tenuto la sala della Commenda della Biblioteca G. Rodari di San Mariano di Corciano, Casciari ha fatto alcune valutazioni sull’attività della Giunta uscente mettendo in risalto la bontà della programmazione politica.

“Nonostante siano stati cinque anni duri caratterizzati da grandi crisi industriali che hanno colpito la nostra regione e segnati a livello nazionale dall’avvicendamento di quattro Governi, la Regione Umbria ha messo in campo una serie di azioni che hanno sostenuto il nostro tessuto economico e sociale. Abbiamo utilizzato con grande accortezza i soldi pubblici ed effettuato tagli importanti che hanno permesso di investire in altri settori le risorse risparmiate”.

“Con una grande senso di responsabilità  – ha proseguito Casciari – abbiamo dato un contributo importante per affrontare crisi di grandi aziende, come l’Ast di Terni appunto, per la quale la presidente Marini si è impegnata in una trattativa lunga e complicata portando a casa un buon risultato per l’economia della nostra Regione e italiana.   Nonostante i tagli ai fondi nazionali, la Regione Umbria, con un notevole sforzo, e investendo risorse proprie, ha mantenuto invariata la spesa sociale.

Concludendo Carla Casciari ha evidenziato che “pur essendo in una fase difficile caratterizzata dall’abolizione delle Province e delle Comunità Montane e con in prospettiva il riordino delle Regioni,  dobbiamo essere pronti a cogliere la sfida e far sì che l’Umbria conservi la propria identità  e continui a distinguersi per quello che il suo governo è riuscito a fare”.

All’incontro è intervenuta anche la senatrice Pd, Nadia Ginetti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*