CasaPound Terni contro l’ennesima rapina commessa da clandestini

La situazione a Terni è ormai completamente fuori controllo grazie alla disastrosa gestione del Partito Democratico

CasaPound Terni contro l’ennesima rapina commessa da clandestini

CasaPound Terni contro l’ennesima rapina commessa da clandestini

da CasaPoundTerni
“Ancora emergenza furti in quella che il Sindaco ha definito città viva
“ , con protagonisti nella zona Montefiorino di Terni ancora clandestini africani pluripregiudicati colpiti da rifiuto di istanza di status di rifugiati, ma grazie all’appello portato avanti rimasti liberi in città e “gestiti” senza essere controllati da una struttura ternana che ancora riceve benefici economici.

“Si tratta della solita tragedia del business dell’accoglienza all’italiana che per fortuna questa volta non ha prodotto morti e feriti”. Così in una nota Piegiorgio Bonomi, responsabile ternano di CasaPound.

“Ancora una volta – prosegue Bonomi – furti violenza e rapine, ancora una volta clandestini che grazie ai cavilli burocratici italiani studiati per continuare a ricevere la quota di soldi giornaliera possono rimanere impuniti sul nostro territorio a spese dei contribuenti.

La situazione a Terni è ormai completamente fuori controllo grazie alla disastrosa gestione del Partito Democratico e dei suoi complici, chiediamo pertanto l’espulsione immediata DI TUTTI I RICHIEDENTI ASILO presenti sul territorio Ternano e multe salate o chiusura in caso di recidiva delle cooperative che NON gestiscono e non controllano il loro “core business”.

Il responsabile di CasaPound conclude facendo un con un appello al Sindaco e al Consiglio comunale “al fine di fermare ogni nuovo arrivo in città e di espellere tutti i sedicenti richiedenti asilo presenti sul territorio ternano – in larghissima maggioranza meri migranti economici – mettendo invece al primo punto dell’agenda politica i gravi casi di emergenza abitativa delle famiglie Italiane”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*