Primi d'Italia

Carla Spagnoli, sindacati Perugina, ma chi volete prendere in giro?

Ci risulta che la commessa da 380 tonnellate risale a quest’estate

Carla Spagnoli, sindacati Perugina, ma chi volete prendere in giro?

Carla Spagnoli, sindacati Perugina, ma chi volete prendere in giro? da Carla Spagnoli PERUGIA – Siamo rimasti sbalorditi nel leggere le dichiarazioni del segretario regionale FLAI-CGIL  Michele Greco sulla Perugina. Il sindacalista, soddisfatto, ha annunciato infatti che la «Perugina ha da poco ricevuto un’importante commessa di tavolette da 380 tonnellate che va ad aumentare i volumi e il lavoro previsti». Dottor Greco, è proprio sicuro di quello che dice? Ci risulta che la commessa da 380 tonnellate risale a quest’estate ed è stata da tempo archiviata! Ci risulta anche che questa commessa, seppur importante, non ha generato nessun risultato in termini di incremento del lavoro e di rilancio della produzione… Ma di cosa stiamo parlando? Non è grave che un sindacalista, tra l’altro appartenente al più grande sindacato italiano, si “arrampichi sugli specchi” e tiri fuori una commessa passata e conclusa per dire che in Perugina va tutto bene?

Cari sindacalisti, ma chi prendete in giro! Ci può stare che magari vogliate prendervi gioco di me (anche se sono molto più preparata di quanto crediate) ma con il vostro comportamento e le vostre dichiarazioni state prendendo in giro tutti i dipendenti Perugina, che è molto più grave… Il segretario Greco ha poi continuato con le sue “dichiarazioni” e ha replicato al nostro intervento sullo smantellamento del reparto “Strenne” (nostro articolo del 27 settembre 2016), affermando che «in realtà anche questa delocalizzazione era prevista nell’accordo». Ma quale accordo! Nell’intesa tra Nestlè e sindacati, siglata nei mesi scorsi, non ci risulta alcun accenno alla dismissione del reparto “Strenne”, si parla solo della dismissione dei reparti biscotti e zuccheri, con la conseguente vendita di prodotti storici come “Ore Liete” e, soprattutto, caramelle “Rossana” (da noi annunciata mesi prima!).

Ammesso anche che l’esternalizzazione delle “Strenne” fosse stata prevista nell’accordo, perché i sindacati non ne hanno mai parlato? Perché la notizia viene data solo ORA, dopo il nostro articolo? Se le cose vanno così bene, come dichiara il sindacalista, nei prossimi mesi non possiamo che aspettarci notizie confortanti, ovvero volumi ed occupazione in crescita! Sarebbe grave, infatti, trovarci di fronte a cali occupazionali, ovvero “esuberi”, magari chiamati come “uscite incentivate”, “mobilità”, “cassa integrazione”, outsourcing, eccetera…

ambierebbe il nome ma non la sostanza! Le bugie hanno le gambe corte e rimandare il problema non solo ha poco senso, ma sarebbe grave per i lavoratori, per il territorio e per lo stesso sindacato che, anziché denunciare i problemi, sembrerebbe nasconderli…

Ormai è certo quello che noi avevamo ipotizzato: sono i sindacati, CGIL in testa, i veri “testimonial” della Nestlè in Perugina, i veri sponsor, attivi e convinti, della multinazionale! Ma non erano questi della CGIL a dire che la Perugina era «un’azienda dolciaria, non una fabbrica di solo cioccolato» e che tale doveva rimanere? Si è accorto, il sindacalista, che la Perugina è stata “spremuta” e privata di prodotti storici, che ne hanno fatto la storia?

Tutto passato, tutto dimenticato, “compagni” lavoratori! I sindacalisti CGIL sembrano i manager della Nestlè alla Perugina e le dichiarazioni del segretario FLAI Michele Greco potrebbero benissimo essere le parole dette da un manager o, addirittura, dall’Amministratore Delegato di Nestlè Italia! D’altronde i sindacati in Perugina hanno da sempre fatto il bello e il cattivo tempo e sono LORO che hanno portato l’azienda in questo stato!

Vogliamo chiudere con alcune domande poste nel nostro intervento sulle “Strenne” alle quali il sindacalista Greco non ha risposto: che fine faranno i lavoratori stagionali, soprattutto donne, che producevano le “Strenne”? Verranno richiamati? Che ne è stato degli agenti storici che si occupavano del reparto?  È vero che alcuni di essi stanno passando alla concorrenza? Gradiremmo una risposta, gentile Dottor Greco…

Carla Spagnoli

Presidente Movimento per Perugia

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*